Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22663 del 19/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 19/10/2020, (ud. 29/09/2020, dep. 19/10/2020), n.22663

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. COSENTINO Antonello – Presidente –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 5424-2019 proposto da:

R.G., C.L., elettivamente domiciliati in

Roma, V.le B.Buozzi 77, presso lo studio dell’avvocato Filippo

Tornabuoni, che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato

Claudio Scopsi;

– ricorrenti –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL IN LIQUIDAZIONE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1970/2018 della Corte d’appello di Genova,

depositata il 21/12/2018;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

29/09/2020 dal Consigliere Annamaria Casadonte.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– il presente giudizio trae origine dal ricorso proposto dai coniugi C. e R. ex art. 2932 c.c. nei confronti di (OMISSIS) s.r.l. al fine di conseguire l’esatto adempimento del contratto preliminare avente ad oggetto la vendita di un box; esponevano che la promittente venditrice non aveva rispettato il termine per la consegna e che aveva apportato modifiche al locale tali da determinare un minor valore dell’immobile compravenduto;

– costituitasi in giudizio, parte convenuta eccepiva che la mancata stipula del definitivo era dipesa dalle resistenze dei promissari acquirenti, che il termine non era essenziale e che le modifiche del box erano migliorative;

– il tribunale di La Spezia accoglieva la domanda attorea e trasferiva il bene immobile identificandolo come mappale (OMISSIS) sub. (OMISSIS);

– con successivo ricorso la società (OMISSIS) ha chiesto e ottenuto la correzione dell’errore materiale nella parte relativa all’identificazione del box come sub (OMISSIS) e non sub (OMISSIS);

– C.L. e R.G. hanno proposto gravame avverso la sentenza nella parte corretta e la Corte d’appello di Genova ha respinto l’impugnazione confermando la sentenza di primo grado così come corretta;

-la cassazione della sentenza d’appello è chiesta dai sigg.ri C. e R. con ricorso affidato ad un unico motivo ed illustrato da memoria ex art. 380 bis c.p.c.;

– non ha svolto attività difensiva l’intimato Fallimento (OMISSIS) s.r.l..

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con l’unico motivo di ricorso si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4 o alternativamente n. 3, nullità della sentenza come corretta o la violazione e/o falsa applicazione degli artt. 287 e 288 c.p.c.;

– il collegio non ravvisa l’evidenza decisoria e, pertanto, rimette alla pubblica udienza.

PQM

La Corte rimette alla pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta sezione civile – 2, il 29 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 19 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA