Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22635 del 19/10/2020

Cassazione civile sez. III, 19/10/2020, (ud. 30/06/2020, dep. 19/10/2020), n.22635

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – rel. Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 31642/2019 proposto da:

I.J., rappresentato e difeso ammesso al gratuito patrocinio

dall’avv. ROMINA POSSIS, del Foro di Vercelli, ed elettivamente

domiciliato presso l’indirizzo PEC di questa;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ex lege;

– resistente –

avverso la sentenza n. 462/2019 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 13/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

30/06/2020 dal Consigliere Dott. LINA RUBINO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

I.J., cittadino della (OMISSIS), propone ricorso per cassazione articolato in due motivi nei confronti del Ministero dell’Interno, avverso la sentenza n. 462/2019 della Corte d’Appello di Torino, pubblicata in data 7.3.2019, non notificata.

Il Ministero ha depositato tardivamente una comunicazione con la quale si dichiara disponibile alla partecipazione alla discussione orale.

Il ricorso è stato avviato alla trattazione in adunanza camerale non partecipata.

Il ricorrente, proveniente dalla Nigeria, regione dell’Edo State, riferisce nel ricorso di essere di fede cristiana, e di essere fuggito dal suo villaggio a seguito di un attacco da parte dei ribelli, che sparavano al padre, segretario del comitato degli anziani del villaggio, e colpivano a morte la madre.

Con il primo motivo, deduce la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 1 e del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, per omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio o comunque omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia, costituito dall’esistenza di un pericolo generalizzato all’interno del paese di provenienza.

Rileva che la Corte d’appello, nel rigettare la sua impugnazione in relazione al riconoscimento della protezione sussidiaria, non ha fatto corretto uso del potere di cooperazione istruttoria, e che, contrariamente a quanto affermato dalla sentenza impugnata, la Nigeria, sia interessata attualmente da una situazione di conflitto generalizzato. Riporta, per sostenere la sua posizione, le indicazioni presenti sul sito internet “(OMISSIS)” al 30.5.2019, dal quale risultano numerosi attacchi terroristici da parte della formazione (OMISSIS), arresti e detenzioni arbitrari, l’uso della tortura da parte della polizia e dei servizi di sicurezza, le uccisioni illegali, i limiti alle libertà di espressione di riunione, di associazione, ai diritti delle donne e delle persone (OMISSIS), l’emissione di condanne a morte, benchè non seguite da esecuzioni.

Il motivo è inammissibile.

Esso si limita a denunciare una violazione del dovere di cooperazione istruttoria senza rapportarlo a passi della decisione impugnata da cui la violazione denunciata possa trasparire, e si traduce in una richiesta di rinnovazione del giudizio in fatto, sulla situazione esistente in Nigeria, inesigibile da parte della Corte di cassazione.

Per contro la sentenza impugnata in primo luogo ritiene poco credibile, evidenziandone le contraddizioni, la vicenda personale come narrata dal ricorrente, che in particolare sarebbe fuggito a ben sei anni di distanza dall’episodio riferito, che avrebbe portato all’aggressione e alla morte del padre e della madre.

Quindi ritiene corretta la valutazione del primo giudice, sulla base di informazioni acquisite da fonti ufficiali, che non esistesse una situazione di pericolo generalizzato nella regione di provenienza del ricorrente al momento dei fatti ((OMISSIS)), e pertanto esclude, motivatamente, il diritto alla protezione sussidiaria senza incorrere in alcuna violazione di legge. La sentenza peraltro pone in luce, oltre che la non credibilità soggettiva del ricorrente, il fatto che il segmento di territorio di provenienza non fosse investito dalle attività terroristiche di (OMISSIS), e infine che questi abbia scelto di espatriare, dopo aver lasciato (OMISSIS) e raggiunto il nord della Nigeria, per ragioni esclusivamente personali, prescindenti nelle sue stesse allegazioni, da una situazione di pericolo. Lo stesso ricorrente nelle sue allegazioni sostiene infatti di essersi spostato dall’Edo State a (OMISSIS), e di là aver raggiunto il nord del paese non perchè temesse per la sua vita ma perchè “arrivato lì, ho conosciuto tre ragazzi che volevano partire per la Libia e sono partito con loro”.

Il ricorrente deduce, con il secondo motivo di ricorso, la violazione del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6, o comunque l’omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per non aver considerato la situazione di disordine generale esistente in Nigeria ai fini della diversa valutazione sottesa alla domanda di concessione del permesso di soggiorno per ragioni umanitarie.

Anche questa censura in sè è del tutto generica, non rapportata nè con il contenuto della pronuncia, che non è mai richiamato, per sottoporlo a revisione critica, neanche per sommi capi, nè tanto meno con la situazione personale del ricorrente, del quale sono solamente accennati la storia personale, ritenuta poco credibile dal giudice di merito, e i motivi che lo hanno indotto a lasciare il paese di provenienza: e ciò non perchè la Corte debba o possa in questa sede rinnovare il giudizio sulla presenza dei presupposti per il rilascio del permesso per ragioni umanitarie, ma perchè deve valutare se la corte d’appello sia effettivamente incorsa nella violazioni denunciate, omettendo di considerare non solo la condizione di pericolosità del paese di provenienza, ma il rischio di compressione dei diritti umani del richiedente e il percorso di integrazione seguito in Italia non in astratto ma in concreto in riferimento alla sua vicenda personale, in attuazione dei principi già più volte affermati da questa Corte: “In materia di protezione umanitaria, il riconoscimento del diritto al permesso di soggiorno per motivi umanitari di cui al D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6, al cittadino straniero che abbia realizzato un grado adeguato di integrazione sociale in Italia, deve fondarsi su una effettiva valutazione comparativa della situazione soggettiva ed oggettiva del richiedente con riferimento al Paese d’origine, al fine di verificare se il rimpatrio possa determinare la privazione della titolarità e dell’esercizio dei diritti umani, al di sotto del nucleo ineliminabile costitutivo dello statuto della dignità personale, in correlazione con la situazione d’integrazione raggiunta nel Paese d’accoglienza” (Cass. n. 4455 del 2018, richiamata sul punto, quanto alla necessità di compiere il giudizio di comparazione secondo i criteri ivi indicati, da Cass. S.U. n. 29459 del 2019).

Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile.

Nulla sulle spese, non avendo l’intimato svolto attività difensiva in questa sede.

Il ricorso per cassazione è stato proposto in tempo posteriore al 30 gennaio 2013, e il ricorrente ammesso al gratuito patrocinio risulta soccombente, pertanto egli non è gravato dall’obbligo di versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 bis e comma 1 quater.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di Cassazione, il 30 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 19 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA