Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22616 del 08/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. III, 08/11/2016, (ud. 29/09/2016, dep. 08/11/2016), n.22616

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMBROSIO Annamaria – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. DEMARCHI ALBENGO Paolo G. – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4917-2015 proposto da:

R.B., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA URBANA 90,

presso lo studio dell’avvocato MARIA LETIZIA MARINELLI,

rappresentata e difesa dall’avvocato ANTONIO LUCIANI giusta procura

speciale giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

A.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA COSSERIA 2,

presso lo studio dell’avvocato ALFREDO PLACIDI, rappresentata e

difesa dagli avvocati CARLO CORRADI, IDA CORRADI giusta procura

speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

nonchè contro

C.C.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1090/2014 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 24/10/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

29/09/2016 dal Consigliere Dott. ROSSETTI MARCO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SOLDI ANNA MARIA che ha concluso per l’estinzione del giudizio per

rinuncia.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Nel (OMISSIS) G.T. concesse in locazione per uso non abitativo un proprio immobile alla Associazione dei Democratici di Sinistra (DS), ente non riconosciuto, che stipulò il contratto per il tramite di R.B..

Nel (OMISSIS) G.T. convenne dinanzi al Tribunale di Pescara, sezione di Penne, l’associazione DS e R.B., chiedendone la condanna:

– al rilascio dell’immobile, che assumeva ancora nella detenzione del conduttore;

– al pagamento dell’indennità di occupazione;

– al risarcimento dei danni causati all’immobile.

2. Con sentenza 19.4.2013 n. 35 il Tribunale di Pescara accertò la mancata restituzione dei locali e condannò i convenuti al pagamento di una indennità di 500 euro mensili fino al rilascio effettivo.

3. La sentenza venne appellata da R.B. e la Corte d’appello de L’Aquila rigettò il gravame, ritenendo non provata l’avvenuta restituzione dell’immobile.

4. La sentenza d’appello è stata impugnata per cassazione da R.B., con ricorso fondato su tre motivi.

Ha resistito A.R., erede di G.T..

5. Con istanza ritualmente depositata, la ricorrente ha dichiarato di avere transatto la lite e di non avere interesse alla decisione del ricorso, chiedendo la compensazione delle spese. La rinuncia è stata ritualmente accettata da A.R. con atto datata 4.5.2015.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

5. Essendo regolari la rinuncia al ricorso e l’accettazione, va dichiarato estinto il giudizio, ai sensi dell’art. 391 c.p.c..

Non è luogo a provvedere sulle spese, come richiesto dalle parti.

P.Q.M.

la Corte di cassazione, visto l’art. 391 c.p.c., dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Terza Sezione civile della Corte di cassazione, il 29 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA