Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22586 del 10/08/2021

Cassazione civile sez. lav., 10/08/2021, (ud. 16/12/2020, dep. 10/08/2021), n.22586

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. PICCONE Valeria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29202-2017 proposto da:

CONFEZIONI GIOIELLI S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FRANCESCO DENZA 27,

presso lo studio dell’avvocato MARIA FRANCESCA CORRADI,

rappresentata e difesa dagli avvocati VALERIO PARDINI, LAURA

DONATIELLO;

– ricorrente –

contro

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIACOMO

PUCCINI 10, presso lo studio dell’avvocato GIANCARLO FERRI,

rappresentato e difeso dall’avvocato ANNA BOZZINI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 929/2017 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 28/09/2017 R.G.N. 955/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/12/2020 dal Consigliere Dott. VALERIA PICCONE.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

con sentenza in data 28 settembre 2017, la Corte di Appello di Firenze ha respinto l’appello proposto dalla Confezioni Gioielli S.p.A. avverso la decisione del locale Tribunale che aveva accolto la domanda di C.D. volta ad ottenere la liquidazione di alcune provvigioni quale procacciatore d’affari;

per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso la società Confezioni Gioielli S.p.A., affidandolo a tre.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

va rilevato come la società Confezioni Gioielli S.p.A. abbia depositato rinuncia al ricorso rinuncia che risulta ritualmente formulata ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c. con dichiarazione sottoscritta da difensore munito di mandato speciale;

tale rinunzia è stata formalmente accettata con atto sottoscritto da Anna Bozzini, procuratrice di C.D.;

le parti hanno deciso di rinunziare a ricorso e controricorso concordando, inoltre, sulla compensazione integrale delle spese di lite;

ne consegue che, a norma dell’art. 390 c.p.c., il processo deve essere dichiarato estinto.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 16 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 10 agosto 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA