Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22545 del 07/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 07/11/2016, (ud. 07/07/2016, dep. 07/11/2016), n.22545

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. VENUTI Pietro – Consigliere –

Dott. NEGRI DELLE TORRE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 4896-2014 proposto da:

P.S. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA FABIO MASSIMO 45, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI

PELLETTIERI, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

ROSA TRONCELLITI, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

SAUFLON ITALIA S.R.L. P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

LORENZO MAGALOTTI 15, presso lo studio dell’avvocato BARBARA MIOLI,

che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati GIORGIO

MONDINI e ALESSANDRO FANO, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 7862/2012 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 13/02/2013, R.G. N. 4045/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/07/2016 dal Consigliere Dott. NEGRI DELLA TORRE PAOLO;

udito l’Avvocato ROSA TRONCELLITI;

udito l’Avvocato BARBARA MIOLI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA MARIO, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 7862/2012, depositata il 13/2/013, la Corte di appello di Roma respingeva il gravame proposto da P.S. nei confronti della sentenza del Tribunale di Roma che ne aveva respinto la domanda diretta all’accertamento del carattere ingiustificato del licenziamento intimatogli in data (OMISSIS) dalla Sauflon Italia s.r.l. e alla condanna della società al pagamento dell’indennità supplementare di cui al CCNL per i dirigenti del terziario.

La Corte considerava raggiunta, alla luce delle produzioni documentali e delle testimonianze assunte, la prova dei fatti posti a giustificazione del recesso, e cioè dell’esistenza nel periodo 2007 – 2008 di una situazione congiunturale dell’azienda gravemente sfavorevole, in particolare osservando come le rilevanti perdite emergenti da successivi conti profitti e perdite avessero determinato la controllante Sauflon Ltd a rinunciare a propri crediti nei confronti di Sauflon Italia, contabilmente attuata mediante emissione di note di credito che avevano riportato in pareggio il bilancio della società controllata.

Ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza il P. con sei motivi, assistiti da memoria; la società ha resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, deducendo la violazione dell’art. 2697 c.c., anche in relazione all’art. 416 c.p.c., nonchè agli artt. 1175 e 1375 c.c., in ordine alla “giustificatezza” del recesso (art. 360 c.p.c., n. 3), il ricorrente lamenta che la Corte di appello abbia ritenuto dimostrato un effettivo stato di crisi della società al tempo del licenziamento, conferendo rilievo a tal fine ai documenti mensili concernenti l’andamento dei profitti e delle perdite e alle note di credito emesse dalla società controllante inglese e così erroneamente attribuendo autonomo rilievo probatorio ad atti interni, che potevano e dovevano invece valutarsi solo come elementi destinati naturalmente a confluire nel più generale resoconto dello stato economico costituito dal bilancio di esercizio, il quale aveva posto in evidenza, per l’anno 2008, un risultato di sostanziale pareggio. Con il secondo motivo, deducendo omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti (art. 360 n. 5), il ricorrente si duole che la sentenza impugnata sia pervenuta al rigetto dell’appello senza che in alcun punto della sua motivazione risultasse accertato che la società datrice di lavoro versava realmente in una situazione di crisi, come descritto nella lettera di comunicazione del licenziamento, e senza considerare che l’emissione delle note di credito da parte della società madre, oltre che irrilevante perchè destinata a confluire nelle vicende formative del bilancio, rappresentava un’operazione svolta da un soggetto terzo ed espressione della libertà imprenditoriale di formulare accordi tra società distinte.

Con il terzo motivo, deducendo la violazione dell’art. 2697 c.c. in relazione all’art. 2425 c.c. (art. 360 c.p.c., n. 3), il ricorrente lamenta il difetto di prova circa l’effettiva esistenza delle note di credito nel bilancio della società e altresì di sostegno probatorio in ordine alla conclusione, secondo la quale le relative operazioni fossero tali da determinare un utile di bilancio, incidendo esse sui costi di gestione e non sui proventi aziendali.

Con il quarto motivo il ricorrente, deducendo la violazione dell’art. 2722 c.c. (art. 360 c.p.c., n. 3), si duole che sia stato dato ingresso alla prova testimoniale sulle ragioni che avevano condotto all’emissione delle note di credito, in quanto tali documenti integravano accordi di contenuto differente e precedente rispetto a quanto emerso dal bilancio.

Con il quinto motivo il ricorrente, deducendo omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione fra le parti (art. 360 c.p.c., n. 5), lamenta che la Corte di appello non si sia avveduta che i testi sentiti in relazione alle ragioni della emissione delle note di credito non avevano conoscenza diretta dei fatti e che le deposizioni dagli stessi rese erano smentite dalla prova contraria e documentale rappresentata dal bilancio.

Con il sesto motivo, deducendo la nullità della sentenza in relazione all’art. 112 c.p.c., il ricorrente si duole infine che la Corte non si sia pronunciata su diverse censure proposte con il ricorso in appello.

Il secondo e il quinto motivo, che possono esaminarsi congiuntamente, per identità di questioni connesse con il vizio dedotto, risultano inammissibili.

Entrambi i motivi in esame, infatti, non si conformano allo schema normativo del nuovo art. 360 c.p.c., n. 5, quale risultante dalla modifica introdotta con il D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito in L. 7 agosto 2012, n. 134, pur in presenza di sentenza di appello depositata in data 13/2/2013 e, pertanto, in data posteriore all’entrata in vigore della novella legislativa (11 settembre 2012).

Come precisato da questa Corte a Sezioni Unite con le sentenze 7 aprile 2014 n. 8053 e n. 8054, l’art. 360 n. 5, così come riformulato, introduce nell’ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia); con la conseguenza che, nel rigoroso rispetto delle previsioni dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6 e art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, il ricorrente deve indicare il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sè, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorchè la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie.

I motivi primo e terzo devono ritenersi egualmente inammissibili, posto che le ragioni, sulle quali si fondano, implicano l’esame e la risoluzione di questioni che, attenendo al merito della controversia (valore da attribuirsi, in relazione alle risultanze del bilancio di esercizio, ai documenti di conto economico e alle note di credito; prova dell’effettiva esistenza di queste ultime e loro incidenza), sono estranee alla competenza di questa Corte di legittimità.

Non risulta, d’altra parte (e, per la verità, non risulta neppure dedotto dal ricorrente), che la Corte territoriale sia incorsa in una violazione delle regole di riparto dell’onere della prova stabilite dall’art. 2697, richiamato nelle rubriche di entrambi i motivi, come è da escludere, quanto al primo, che il giudice di appello si sia discostato dai principi di diritto elaborati in tema di licenziamento del dirigente, dovendosi in ogni caso rilevare, sul punto, come il motivo non proceda ad enucleare, come pur necessario, i passaggi motivazionali della sentenza in cui tale scostamento si sarebbe manifestato.

Il quarto motivo è infondato.

E’, infatti, consolidato l’orientamento, secondo il quale “il potere del giudice del lavoro di ammettere mezzi di prova in deroga ai limiti posti dal codice civile (quale specificamente il divieto di cui all’art. 2722 di ammissione di prova per testimoni su patti aggiunti o contrari al contenuto di un documento), previsto dall’art. 421 c.p.c., coma 2, ha carattere discrezionale e quindi la determinazione assunta dal giudice di merito di ammettere o meno la prova, così come quella di tenere conto o no della prova assunta al di fuori dei suddetti limiti, si sottrae al sindacato di legittimità”: Cass. n. 10739/1996; conformi Cass. n. 6245/1999 e n. 588/2002.

Il sesto motivo è inammissibile, risolvendosi – al di là della formale deduzione di un error in procedendo – in una critica della completezza e congruità logica del percorso motivazionale seguito dal giudice di appello e cioè del ragionamento che lo ha condotto alla decisione adottata: critica che, ricorrendone i presupposti (quali sopra precisati, alla stregua della giurisprudenza di questa Corte), avrebbe potuto trovare ingresso esclusivamente nell’ambito del “nuovo” vizio motivazionale.

Il ricorso deve, pertanto, essere respinto.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 100,00 per esborsi e in Euro 4.000,00 per compensi professionali, oltre rimborso spese generali al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dell’art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 7 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 7 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA