Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22463 del 04/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 04/11/2016, (ud. 15/09/2016, dep. 04/11/2016), n.22463

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14269-2015 proposto da:

P.I.B., elettivamente domiciliato in ROMA, LARGO DEI

COLLI ALBANI 14, presso lo studio dell’avvocato NATALE PERRI, che lo

rappresenta e difende giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

P.R., P.G.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1676/2014 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

emessa il 26/03/2014 e depositata il 14/04/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/09/2016 dal Consigliere Relatore Dott. LOMBARDO LUIGI GIOVANNI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Considerato che:

il Consigliere designato ha depositato la seguente relazione ai sensi dell’art. 380 – bis c.p.c.;

“Ritenuto che:

– in accoglimento della domanda proposta da P.R. nei confronti di P.G. e P.I.B., il Tribunale di S. Maria Capua Vetere dichiarò aperta la successione di P.E.; dichiarò la lesione della quota di legittima spettante a P.R. e dispose la reintegrazione della stessa nella quota di riserva a lei spettante; condannò i convenuti alla rifusione delle spese processuali;

– sul gravame proposto dai convenuti, la Corte di Appello di Napoli confermò la pronuncia di primo grado, rideterminando l’entità delle spese processuali relative al giudizio di primo grado;

per la cassazione della sentenza di appello ricorre P.I.B. sulla base di due motivi;

– le altre parti, ritualmente intimate, non hanno svolto attività difensiva;

Atteso che:

– il primo motivo di ricorso (col quale si deduce la violazione e la falsa applicazione dell’art. 556 c.c., in relazione alla mancata motivazione circa la quantificazione della quota di riserva e del debito di I.B.) appare manifestamente infondato, avendo la Corte territoriale condiviso i calcoli effettuati dal C.T.U. e avendoli recepiti per relationem, senza che peraltro il ricorrente abbia formulato critiche puntuali a tali calcoli, i quali comunque costituiscono una questione di fatto, incensurabile in sede di legittimità;

– il secondo motivo di ricorso (col quale si deduce la violazione e la falsa applicazione di norme di diritto, in relazione alla ritenuta non comoda divisibilità del fabbricato sito in (OMISSIS)) appare inammissibile, in quanto l’accertamento della comoda divisibilità di un bene immobile è rimesso all’insindacabile valutazione del giudice di merito e si risolve in un giudizio di fatto che, quando – come nel caso di specie – sia sorretto da una motivazione immune da vizi logici e giuridici, si sottrae a qualsiasi censura in sede di legittimità (Sez. 2^, Sentenza n. 1260 del 02/02/1995, Rv. 490251; Sez. 2, Sentenza n. 1410 del 21/04/1976, Rv. 380119);

Ritenuto che il ricorso può essere avviato alla trattazione camerale, per essere ivi rigettato”;

Considerato che:

– il Collegio condivide la proposta di definizione contenuta nella relazione ex art. 380 – bis c.p.c., alla quale non sono stati mossi rilievi critici;

il ricorso, pertanto, deve essere rigettato;

– non vi è luogo a pronuncia sulle spese, non avendo l’intimato svolto attività difensiva in questa sede;

– ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater, (inserito dal L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17) applicabile catione temporis (essendo stato il ricorso proposto successivamente al 30 gennaio 2013), ricorrono i presupposti per il raddoppio del versamento del contributo unificato da parte del ricorrente, a norma dell’art. 13, comma 1-bis;

PQM

La Corte Suprema di Cassazione rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dell’art. 13, comma 1 – bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta-2 Sezione Civile, il 15 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 4 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA