Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22426 del 04/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 04/11/2016, (ud. 20/07/2016, dep. 04/11/2016), n.22426

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – rel. Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 9431-2011 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE,in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

F.P., elettivamente domiciliata in ROMA VIA FLAVIO

STILICONE 264, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO GIACANI,

rappresentata e difesa dall’avvocato ALFREDO RICCARDI giusta delega

a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 43/2010 della COMM.TRIB.REG. della Campania,

depositata il 17/02/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

20/07/2016 dal Consigliere Dott. ANTONIO FRANCESCO ESPOSITO;

udito per il ricorrente l’Avvocato GAROFOLI che ha chiesto

l’accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CUOMO Luigi, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

L’Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione, sulla base di due motivi, avverso la sentenza con la quale la Commissione tributaria regionale della Campania aveva confermato la sentenza di primo grado che aveva annullato l’avviso di accertamento con il quale, per l’anno 1999, era stato accertato nei confronti di F.P. un maggior reddito di Lire 86.480.090 sinteticamente determinato a norma del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 4, rispetto a quello dichiarato di Lire 965.000, riprendendo a tassazione il reddito derivante da una quota di risparmio pari a Lire 72.371.000 e dal possesso di beni (un’autovettura e un immobile) quali indici di capacità contributiva per Lire 14.109.000. Rilevava il giudice d’appello che il reddito derivante dall’attività di produttore agricolo svolta dalla contribuente era ancorato alle risultanze catastali, di modo che eventuali diversi elementi non incidevano sulla tassazione.

Resiste con controricorso la contribuente.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con il primo motivo di ricorso l’Agenzia delle Entrate denuncia violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 4, e degli artt. 2728 e 2697 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3.

Lamenta la ricorrente che la C.T.R., in palese contrasto con la giurisprudenza formatasi in materia, aveva fatto discendere la ritenuta illegittimità dell’accertamento sintetico non dalla insussistenza degli indici presuntivi di reddito, bensì, puramente e semplicemente, dalla qualifica di coltivatore diretto della contribuente e dal fatto che il reddito agrario, “in quanto ancorato alle risultanze catastali”, non poteva essere “assimilato al reddito fiscale in quanto il titolare dell’azienda agricola è tenuto a dichiarare i valori catastali e non quelli aziendalistici”.

Il motivo è fondato.

La giurisprudenza di questa Corte è ferma nel ritenere che “ai sensi del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 38 e del D.M. 21 luglio 1983, l’amministrazione delle finanze può legittimamente procedere con metodo sintetico alla rettifica della dichiarazione dei redditi di un coltivatore diretto, comprensiva soltanto del reddito agrario e dominicale – determinati in base agli estimi catastali – del fondo da lui condotto, quando da elementi estranei alla configurazione reddituale prospettata dal contribuente (consistenti negli indici di spesa più vari e, nella specie, dall’acquisto di beni immobili), si possa fondatamente presumere che ulteriori redditi concorrano a formare l’imponibile complessivo, incombendo, in tal caso, al contribuente, a norma dell’art. 38 cit., comma 60 l’onere di dedurre e provare che i redditi effettivi frutto della sua attività agricola sono sufficienti a giustificare il suo tenore di vita, ovvero che egli possiede altre fonti di reddito non tassabili o separatamente tassate” (Cass. civ., sez. trib., 17-09-2014, n. 19557; nello stesso senso, Cass., sez. trib., 16-05-2014, n. 10747).

La sentenza impugnata si pone in contrasto con il principio dianzi richiamato, avendo la C.T.R. attribuito esclusivo rilievo al reddito agrario determinato sulla base delle risultanze catastali, obliterando la valutazione degli elementi estranei alla configurazione reddituale prospettata dal contribuente, come individuati nell’accertamento sintetico operato dall’amministrazione finanziaria.

2. Con il secondo motivo si deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, insufficiente motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, in relazione ai rilievi formulati dall’Ufficio per contrastare le deduzioni di controparte volte a contestare la legittimità dell’accertamento.

Il motivo è fondato, non avendo la C.T.R. in alcun modo argomentato in merito agli elementi posti a base dell’atto impositivo.

3. Alla stregua delle considerazioni svolte, il ricorso va dunque accolto e la sentenza impugnata cassata, con rinvio alla Commissione tributaria regionale della Campania in diversa composizione, la quale provvederà anche in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Commissione tributaria regionale della Campania in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 20 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 4 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA