Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22408 del 04/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 04/11/2016, (ud. 18/10/2016, dep. 04/11/2016), n.22408

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BOTTA Raffaele – rel. Presidente –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

M.P., quale erede di B.A.,

elettivamente domiciliato in Roma, via Cassiodoro 1/A, presso l’avv.

Sandro De Marco, rappresentato e difeso dall’avv. Giovanni Pansini

giusta delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Via dei Portoghesi 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende per

legge;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Puglia (Bari), Sez. 7, n. 2331/7/14 del 10 ottobre 2014, depositata

il 18 novembre 2014, non notificata;

Udita la relazione svolta nella Pubblica Udienza del 18 ottobre 2016

dal Presidente e Relatore Dott. Raffaele Botta;

Udito l’avv. Paolo Marchini per l’Avvocatura Generale dello Stato;

Udito il P.M., nella persona del sostituto Procuratore Generale Dott.

DE MASELLIS Mariella, che ha concluso per la dichiarazione di

cessazione della materia del contendere.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Letto il ricorso del contribuente relativo ad una controversia concernente l’impugnazione di un avviso di accertamento di maggior reddito conseguente a plusvalenza di cessione di suolo edificabile, derivante da maggior corrispettivo di vendita non dichiarato, presunto dal valore accertato ai fini dell’imposta di registro;

Letto il controricorso dell’amministrazione;

Letta l’istanza dell’Avvocatura generale dello Stato che ha richiesto la cessazione della materia del contendere in ragione dello ius superveniens (D.Lgs. n. 147 del 2015, art. 5, comma 3, che ha dato l’interpretazione autentica dell’art. 68 T.U.I.R.) che ha condotto l’amministrazione ad accogliere l’istanza di autotutela della controparte annullando con provvedimento del 23 maggio 2016 l’accertamento oggetto del giudizio;

Letta l’istanza del contribuente depositata il 3 ottobre 2016 con la quale si chiede sia dichiarata la cessazione della materia del contendere a spese compensate;

Ritenuto che sia giustificata la compensazione delle spese dipendendo la soluzione della controversia da uno ius superveniens che mette in discussione i precedenti orientamenti giurisprudenziali e tenuto conto dell’accordo tra le parti.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dichiara cessata la materia del contendere. Compensa le spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 18 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 4 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA