Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22366 del 04/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 04/11/2016, (ud. 13/07/2016, dep. 04/11/2016), n.22366

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. ARMANO Uliana – rel. Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso per regolamento di competenza 17153-2015 proposto da:

T.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA P. EMILIO 57,

presso lo studio dell’avvocato GINO CILIA, rappresentato e difeso

dall’avvocato PASQUALINO CILIA giusta mandato in calce all’atto di

citazione in opposizione a Decreto Ingiuntivo n. 5939/2014;

– ricorrente –

contro

VFS SERVIZI FINANZIARI SPA, in persona del Direttore Generale nonchè

procuratore speciale elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CELIMONTANA 38, presso lo studio dell’avvocato PAOLO PANARITI, che

la rappresenta e difende unitamente all’avvocato ENRICO LA VIA

giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

sulle conclusioni scritte del P.G. in persona del Dott. ROSARIO

GIOVANNI RUSSO che chiede che la S.C. decidendo in camera di

consiglio con ordinanza sul ricorso in epigrafe indicato, lo

dichiari inammissibile, condanna parte ricorrente al pagamento delle

spese e statuisca sul c.u.;

avverso il provvedimento n. 609/2015 del TRIBUNALE di BERGAMO,

depositato il 16/06/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/07/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ULIANA ARMANO.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

Nel corso di un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo proposto da T.G. davanti al Tribunale di Bergamo, alla prima udienza del 16 giugno 2015, il Tribunale, dopo aver negativamente delibato l’eccezione di incompetenza territoriale sollevata dall’opponente, ha disposto la nomina di un consulente tecnico fissando l’udienza per il conferimento dell’incarico.

Avverso tale provvedimento ha proposto regolamento di competenza T.G. sostenendolo erroneità della decisione sulla competenza e chiedendo di affermare la competenza del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto oppure in subordine del Tribunale di Catania.

La controparte ha depositato memoria difensiva.

Il Procuratore Generale ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

Il Collegio osserva che “anche dopo l’innovazione introdotta dalla novella di cui alla L. 18 giugno 2009, n. 69 in relazione alla forma della decisione sulla competenza (da adottarsi, ora, con ordinanza anzichè con sentenza), il provvedimento del giudice adito (nella specie monocratico), che, nel disattendere l’eccezione d’incompetenza, confermi la propria competenza e disponga la prosecuzione del giudizio davanti a sè, è insuscettibile d’impugnazione con regolamento di competenza ex art. 42 c.p.c., ove non preceduto dalla rimessione della causa in decisione e dal previo invito alle parti a precisare le rispettive integrali conclusioni anche di merito; ciò con la sola eccezione che il giudice del merito, pur avendo affermato la propria competenza senza previa rimessione della causa in decisione mediante invito alle parti a precisare le rispettive conclusioni anche di merito, lo abbia fatto, conclamando in termini di assoluta oggettiva inequivocità ed incontrovertibilità l’idoneità della propria determinazione a risolvere definitivamente, davanti a sè, la questione di competenza”. Cass S.u. n. 20449 del 29-9-14. Alla stregua delle considerazioni che precedono ed atteso che il proposto regolamento di competenza ha ad oggetto un’ordinanza con cui il giudice adito, disattendendo l’eccezione d’incompetenza territoriale, ha disposto la prosecuzione del giudizio davanti a sè, senza previo invito alle parti alla precisazione delle rispettive conclusioni anche di merito e senza aver univocamente manifestato di aver inteso definitivamente risolvere davanti a sè la correlativa questione, s’impone la declaratoria d’inammissibilità del ricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Spese rimesse.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 13 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 4 novembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA