Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22363 del 15/10/2020

Cassazione civile sez. trib., 15/10/2020, (ud. 10/12/2019, dep. 15/10/2020), n.22363

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PERRINO Angelina Maria – Presidente –

Dott. NONNO Giacomo Maria – rel. Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. MUCCI Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 28034/2014 R.G. proposto da:

C.C., elettivamente domiciliato in Roma, via Fornovo

n. 3, presso lo studio dell’avv. Valerio Alvarez de Castro,

rappresentato e difeso dall’avv. Alessandro Senatore giusta procura

speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore, Agenzia

delle entrate – Direzione regionale della Campania, in persona del

Direttore pro tempore, e Agenzia delle entrate Direzione Provinciale

(OMISSIS) di Napoli, in persona del Direttore pro tempore;

– intimati –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Campania n. 3219/28/14, depositata il 31 marzo 2014.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 10 dicembre

2019 dal Consigliere Giacomo Maria Nonno.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

1. con la sentenza n. 3219/28/14 del 31/03/2014, la Commissione tributaria regionale della Campania (di seguito CTR) accoglieva l’appello proposto dall’Agenzia delle entrate avverso la sentenza n. 138/08/13 della Commissione tributaria provinciale di Napoli (di seguito CTP), che aveva accolto il ricorso proposto da C.C. nei confronti di un avviso di accertamento per IRPEF, IRAP e IVA 2005, oltre alle conseguenti sanzioni;

1.1. come si evince dalla sentenza della CTR, l’avviso di accertamento era stato emesso ai sensi del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39;

1.2. la CTR accoglieva l’appello dell’Agenzia delle entrate evidenziando che: a) l’avviso di accertamento era fondato su di una serie di elementi presuntivi gravi precisi e concordanti in ordine all’esistenza, nel periodo considerato, di un’evasione di imposta; b) l’Agenzia delle entrate aveva dato sufficiente prova del quantum debeatur con metodologia condivisibile e fondata su dati oggettivi;

2. C.C. impugnava la sentenza della CTR con ricorso per cassazione, affidato a due motivi;

3. L’Agenzia delle entrate non si costituiva in giudizio e restava, pertanto, intimata.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

1. rilevato che in data 02/12/2019 il ricorrente ha presentato istanza di rinuncia al ricorso in ragione della sopravvenuta definizione agevolata e che l’istanza è stata notificata all’Agenzia delle entrate;

2. la rinuncia è idonea a determinare l’estinzione del giudizio, ch può conseguire quando la stessa sia stata regolarmente comunica alla controparte, pur in assenza di formale accettazione (cfr., da ultimo, Cass. n. 3971 del 26/02/2015; Cass. S.U. n. 7378 del 25/03/2013; Cass. n. 9857 del 05/05/2011);

3. le spese di lite vanno compensate tra le parti, trattandosi di definizione agevolata in pendenza di giudizio di legittimità (cfr. Cass. n. 10198 del 27/04/2018).

PQM

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio e compensa tra le parti le spese di lite.

Così deciso in Roma, il 10 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 15 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA