Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22312 del 26/10/2011

Cassazione civile sez. I, 26/10/2011, (ud. 04/05/2011, dep. 26/10/2011), n.22312

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 24789-2007 proposto da:

V.C. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE ANGELICO 38, presso l’avvocato SINOPOLI VINCENZO,

rappresentato e difeso dall’avvocato LOVELLI ALFREDO, giusta procura

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

A.A., elettivamente domiciliata in ROMA, C.SO V. EMANUELE

II 18, presso lo STUDIO GREZ, rappresentata e difesa dall’avvocato

BLASI FRANCESCO PAOLO, giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 224/2007 della SEZIONE DISTACCATA DI TARANTO –

CORTE D’APPELLO di LECCE, depositata il 18/07/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/05/2011 dal Consigliere Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato LOVELLI Alfredo che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito, per la controricorrente, l’Avvocato BLASI Francesco Paolo che

ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso per l’inammissibilità o

rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Taranto, con sentenza non definitiva dell’11/7/2003, dichiarava cessati gli effetti civili del matrimonio tra V. C. e A.A.. Con sentenza definitiva in data 9/6- 12/7/2006, il medesimo Tribunale affidava il figlio minore R. alla madre, cui assegnava la casa coniugale; condannava il marito a corrispondere assegno per il figlio e per la moglie.

Proponeva appello, il V. chiedendo revocarsi o, in subordine, ridursi l’assegno per la moglie. Costituitosi il contraddittorio la A. chiedeva rigettarsi l’appello. La Corte d’Appello di Lecce, con sentenza 16/5-18/7/2007, in parziale accoglimento dell’appello, riduceva l’importo dell’assegno mensile ad Euro 150,00.

Ricorre per cassazione il V., sulla base di due motivi.

Resiste, con controricorso, la A..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, il V. lamenta violazione della L. n. 898 del 1970, art. 5, comma 6, contestando la sussistenza dei presupposti dell’assegno divorzile.

Il motivo è inammissibile: non si da conto di una specifica violazione ovvero falsa od erronea interpretazione della predetta norma, ma si contesta che il giudice a quo, sulla base di una situazione di fatto erroneamente accertata, abbia affermato la spettanza alla A. dell’assegno divorzile.

La censura riguarda quindi una valutazione di fatto, da ricollegarsi semmai ad un vizio di motivazione. E significativamente il quesito formulato, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c., abrogato, ma ancora operante per i rapporti pregressi, riguarda appunto una valutazione di fatto: l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente a mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto durante la convivenza matrimoniale, e la volontarietà dell’abbandono da parte del coniuge stesso della professione forense.

Il motivo appare altresì non autosufficiente, non precisando l’entità dei redditi dell’ A., quando flessa svolgeva attività forense (va ricordato che secondo la Corte d’Appello, il divario reddituale tra le parti esisteva anche in passato).

Il secondo motivo, attinente a vizio di motivazione, è parimenti inammissibile per assenza della sintesi (omologa al quesito di diritto) di cui al predetto art. 366 bis c.p.c., inerente al fatto controverso e alla sua rilevanza a fini decisori (per tutte, Cass. n. 2694 del 2008).

Conclusivamente, il ricorso va dichiarato inammissibile. Le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità; che liquida in Euro 1.000,00 per onorari e Euro 200.00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge. A norma del D.L. n. 196 del 2003, art. 52, in caso di diffusione del presente provvedimento omettere le generalità e gli altri atti identificativi delle parti, dei minori e dei parenti, in quanto imposto dalla legge.

Così deciso in Roma, il 4 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 26 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA