Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22296 del 15/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 15/10/2020, (ud. 22/07/2020, dep. 15/10/2020), n.22296

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria – Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13167-2019 proposto da:

K.C., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

ANNA ROSA ODDONE;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE

TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

DI (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di TORINO, depositato il 12/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 22/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

K.C., nigeriano, ha proposto ricorso per cassazione, in tre motivi, contro il decreto del tribunale di Torino che ne ha respinto la domanda di protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno non ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

col primo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35-bis, in quanto il tribunale di Torino avrebbe disatteso la sua istanza tesa a ottenere la fissazione dell’udienza di comparizione personale, in mancanza di videoregistrazione del colloquio avutosi dinanzi alla commissione territoriale;

il motivo è inammissibile quanto al presupposto, visto che dal provvedimento risulta che l’udienza era stata fissata dinanzi al giudice delegato per la data del 20-2-2019;

col secondo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), e comunque il vizio di motivazione, per avere il tribunale escluso che la Nigeria fosse attraversata da violenza indiscriminata da conflitto armato senza valutare le fonti aggiornate di conoscenza;

il motivo è inammissibile poichè genericamente finalizzato a sovvertire la valutazione in fatto, avendo il giudice del merito provveduto all’accertamento che la domanda richiedeva, anche indicando, al riguardo, il corredo di fonti ufficiali appositamente consultato;

col terzo mezzo infine il ricorrente deduce l’omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione del provvedimento per avere mancato di valutare la condizione di vulnerabilità posta a base della domanda di protezione umanitaria;

il motivo è inammissibile in quanto non pertinente alla ratio decisionale, avendo il tribunale disatteso la domanda per un difetto di allegazione: e segnatamente perchè non erano state allegate situazione afferenti a beni primari della persona cui ancorare la concessione del permesso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 22 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA