Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22295 del 15/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 15/10/2020, (ud. 22/07/2020, dep. 15/10/2020), n.22295

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria – Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3696-2019 proposto da:

D.S., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

ODOVILIO LOMBARDO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositato il

10/12/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 22/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

D.S., ivoriano, ricorre per cassazione contro il decreto del tribunale di Bologna che gli ha negato la protezione internazionale;

il Ministero dell’Interno non svolge difese.

Diritto

CONSIDERATO

che:

in unico contesto il ricorrente denunzia la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, e il vizio di motivazione; assume che “la corte” (rectius, il tribunale) avrebbe errato nell’escludere la valutazione, come motivo di rilascio del permesso umanitario, di condizioni personali relative “al diritto alla sopravvivenza o a diritti umani messi in pericolo per qualsiasi motivo nel paese di origine”, e rammenta che esiste nel sistema “un onere probatorio attenuato e (di) rispetto del principio di verosimiglianza”;

indica quale fatto controverso decisivo la situazione di grave instabilità in Costa d’Avorio;

il ricorso è inammissibile;

il tribunale, oltre a ritenere inattendibile la versione dei fatti resa dal richiedente a proposito della propria vicenda personale, ha dato altresì atto dell’inesistenza nella zona di provenienza del medesimo di situazioni di violenza indiscriminata da conflitto armato;

una tale valutazione, munita dei riferimenti alle fonti di prova, integra un accertamento di fatto insindacabile in cassazione;

la tesi secondo cui il giudice a quo avrebbe dovuto valutare, come motivo di rilascio del permesso umanitario, condizioni personali relative “al diritto alla sopravvivenza” o “a diritti umani messi in pericolo per qualsiasi motivo nel paese di origine” è del tutto generica, non comprendendosi a quali elementi, tra quelli posti a fondamento della domanda, il ricorrente abbia inteso riferirsi.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 22 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 ottobre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA