Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2226 del 30/01/2020

Cassazione civile sez. lav., 30/01/2020, (ud. 11/09/2019, dep. 30/01/2020), n.2226

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – rel. Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26258-2015 proposto da:

V.V., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA 58,

presso lo studio dell’avvocato CLAUDIA MOLINO, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato NICOLA STOCCHIERO;

– ricorrente principale –

contro

STUDIO LEGALE ASSOCIATO SANTINOLI, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA CAVOUR 19, presso lo studio legale (TOFFOLETTO – DE LUCA

TAMAJO RAFFAELE), rappresentata e difesa dall’avvocato DE LUCA

TAMAJO RAFFAELE, ANDREA MORONE, FRANCO TOFFOLETTO, MARIA TERESA

SALIMBENI;

– controricorrente – ricorrente incidentale –

contro

V.V., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA 58,

presso lo studio dell’avvocato CLAUDIA MOLINO, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato NICOLA STOCCHIERO;

– ricorrente principale – controricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 130/2015 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 24/04/2015 R.G.N. 547/2014.

Fatto

RILEVATO

CHE:

Gli avv. Paolo Santinoli e Mainetti Angelo, quali associati dello studio legale Santinoli, proponevano appello avverso la sentenza del Tribunale di Bergamo n. 749/14, con cui venne parzialmente accolta la domanda della loro ex impiegata V.A., nei cui confronti venne riconosciuto un credito di Euro 11.425,29 a titolo di differenze retributive, oltre Euro 8.330,00 a titolo di risarcimento del danno da demansionamento.

Resisteva la lavoratrice, proponendo appello incidentale circa il ridotto credito riconosciuto rispetto alle domande, oltre al mancato riconoscimento del danno da licenziamento illegittimo.

Con sentenza depositata il 24.4.15, la Corte d’appello di Brescia accoglieva parzialmente l’appello principale, riducendo il credito ad Euro 1.247,12 per differenze retributive e respingendo per il resto.

Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso la V., affidato ad otto motivi, cui resistono con controricorso lo studio legale associato Santinoli ed i suoi associati. Entrambe le parti hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1.-Con il primo motivo la ricorrente denuncia la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 2108 c.c. e D.Lgs. n. 66 del 2003, art. 5, comma 5, oltre ad omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti (superiore orario di lavoro svolto).

Il motivo è inammissibile ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, mirando nella sostanza ad un riesame e rivalutazione delle circostanze di causa, esaminate dai giudici d’appello, dalle quali sarebbe a suo avviso emersa, ad un preteso esame più attento, la prova del superiore orario di lavoro osservato.

2.-Con il secondo motivo la ricorrente denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c. e art. 2697 c.c., oltre all’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti. Lamenta che la sentenza impugnata ritenne erroneamente che le somme versatele (pacificamente) in supero al dovuto andavano detratte da quelle reclamate a titolo di straordinario, senza peraltro un’eccezione in tal senso.

Anche tale motivo non si sottrae ad una statuizione di inammissibilità, riguardando a ben vedere la valutazione delle risultanze istruttorie ed in particolare quella della remunerazione dello straordinario accertata dalla Corte di merito. Non emerge inoltre alcuna violazione dell’art. 112 c.p.c., risultando che lo Studio richiese espressamente di detrarre da quanto reclamato dalla V., anche a titolo di straordinario, quanto effettivamente, ed in surplus, percepito dalla stessa. Questa Corte deve inoltre rimarcare che non trattandosi di eccezione di compensazione in senso proprio, ma solo di accertare le reciproche posizioni di dare ed avere tra le parti, iuxta alligata, non può ravvisarsi alcuna violazione dell’art. 112 c.p.c. ferma teoricamente restando la legittimità o meno del riferito sistema di remunerazione dello straordinario, che tuttavia la sentenza impugnata ha accertato essere avvenuta con la corresponsione delle dette somme aggiuntive, sicchè la censura si risolve in un inammissibile dissenso rispetto agli accertamenti fattuali compiuti dal giudice del merito.

3.- Con terzo motivo la V. denuncia la violazione dell’art. 2103 c.c., oltre all’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio. Lamenta che la sentenza impugnata escluse il reclamato diritto all’inquadramento nel 3livello del c.c.n.l. studi professionali che era invece emerso dall’istruttoria.

Il motivo è inammissibile, mirando dichiaratamente ad una rivisitazione dell’intero materiale istruttorio e testimoniale in particolare.

Nè rileva evidentemente che in un periodo successivo a quello oggetto di censure, lo Studio abbia poi riconosciuto alla V. il 3livello retributivo da essa reclamato sin dall’inizio del rapporto, non potendo a ciò attribuirsi alcun riconoscimento per il passato in assenza di prove in tal senso.

4.- Con quarto motivo si denuncia ancora la violazione dell’art. 2103 c.c., oltre all’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, lamentando l’erronea valutazione dei giudici di merito in ordine al denunciato demansionamento. Come è agevole comprendere trattasi ancora una volta di un mero ed inammissibile dissenso della V. rispetto all’apprezzamento delle circostanze di causa da parte della Corte bresciana alla luce della declaratoria contrattuale collettiva.

5.- Con quinto motivo la lavoratrice denuncia la violazione dell’art. 2109 c.c. (oltre all’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio). Lamenta, in modo non del tutto perspicuo, una mancata statuizione circa la natura del credito per mancato riposo settimanale ed alla relativa prescrizione, senza chiarire i termini processuali della questione, rendendo così la censura inammissibile.

6.- Lo stesso dicasi in ordine al sesto motivo, con cui si lamenta la violazione del c.c.n.l. studi professionali in tema di trasferta, lamentandosi inoltre la mancata statuizione della sentenza impugnata sul punto.

La censura è inoltre inammissibile dolendosi la lavoratrice di una omessa pronuncia senza alcuna denuncia di violazione dell’art. 112 c.p.c. e non avendo comunque la V. chiarito in quali esatti termini la questione venne ritualmente sottoposta all’esame del giudice d’appello.

7.- Con settimo motivo si denuncia la violazione dell’art. 2120 c.c. per non avere la Corte di merito esaminato la questione dell’incidenza dello straordinario sul t.f.r. (cui sembra aggiunto il mancato computo, agli stessi fini, degli scatti di anzianità).

Il motivo è inammissibile in quanto la lamentata omessa pronuncia è veicolata non dalla violazione dell’art. 112 c.p.c., ma dalla violazione dell’art. 2120 c.c., fermo restando che esso difetta di una chiara indicazione degli esatti termini in cui le questioni sarebbero state sottoposte al giudice di appello. Va peraltro rimarcato che il calcolo del t.f.r. è stato elaborato da c.t.u. contabile le cui conclusioni non risultano contestate dalla lavoratrice nella sede appropriata e comunque in sede di appello dopo il deposito dell’elaborato peritale.

8. -Con ottavo motivo la lavoratrice denuncia la violazione della L. n. 604 del 1966, art. 3 lamentando in sintesi che la sentenza impugnata riconobbe erroneamente ricorrere nella fattispecie una ipotesi di giustificato motivo oggettivo di licenziamento.

Il motivo, che pure presenta ancora evidenti profili di inammissibilità quanto alla proposta diversa ricostruzione dei fatti, è comunque infondato avendo la sentenza impugnata accertato che la ragione del licenziamento risiedeva nella necessità di disporre di una segretaria a tempo pieno mentre la V. operò sempre in un rigido part time da lei stessa richiesto.

Il ricorso principale deve essere pertanto rigettato.

9.- Col ricorso incidentale lo Studio professionale denuncia la violazione dell’art. 2697 c.c. per avere la sentenza impugnata ritenuto provato lo svolgimento di lavoro straordinario da parte della V..

Il ricorso incidentale è inammissibile in quanto diretto ad una diversa valutazione delle circostanze di causa sul punto rispetto a quella operata dalla Corte di merito a pag. 10 della sentenza.

10. Entrambi i ricorsi debbono essere dunque rigettati, con conseguente compensazione delle spese di lite.

PQM

La Corte rigetta entrambi i ricorsi e compensa integralmente tra le parti le spese di lite.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo risultante dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, la Corte dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte di ambo le parti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per i rispettivi ricorsi, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 11 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA