Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22257 del 05/09/2019

Cassazione civile sez. VI, 05/09/2019, (ud. 07/05/2019, dep. 05/09/2019), n.22257

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – rel. Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 26349-2018 proposto da:

S.I., elettivamente domiciliato presso l’avvocato WALTER

GALEOTTI che lo rappres. e difende, con procura speciale in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro p.t.; COMMISSIONE

TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

DI BOLOGNA; PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CORTE D’APPELLO DI

BOLOGNA;

– intimati –

avverso il decreto n. R.G. 6470/2018 del TRIBUNALE di BOLOGNA,

depositato il 31/07/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 07/05/2019 dal Consigliere relatore Dott. CAIAZZO

ROSARIO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

Con decreto emesso il 31.7.18, il Tribunale di Bologna respinse la domanda di riconoscimento della protezione internazionale ed umanitaria, proposta da S.I.- cittadino del Bangladesh- avverso il provvedimento di diniego della Commissione territoriale, osservando che: il ricorrente non aveva reso dichiarazioni attendibili in ordine al dedotto pericolo di essere ucciso dagli appartenenti al partito avversario-essendo egli sostenitore del partito d’opposizione nel paese di provenienza-; il ricorrente non aveva compiuto ogni ragionevole sforzo per circostanziare la domanda, avendo invece reso dichiarazioni generiche e non dettagliate nonchè tre loro contraddittorie riguardo ai motivi della sua partenza dal Paese; dall’esame delle COI non si desumeva la sussistenza in Bangladesh di situazioni di conflitto armato tale da porre in pericolo l’incolumità dei civili; non sussistevano i presupposti della protezione umanitaria.

Lo I. ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi.

Non si è costituito il Ministero dell’Interno.

Diritto

RITENUTO

CHE:

Con il primo motivo è denunziata la violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 3, per vizio di motivazione, in quanto il Tribunale aveva ignorato, ai fini della protezione sussidiaria, la situazione generale del Paese d’origine disattendendo i documenti prodotti e le dichiarazioni del ricorrente innanzi al Tribunale.

Con il secondo motivo è denunziata violazione di legge e vizio di motivazione per non aver il Tribunale ritenuto sussistenti le condizioni per la concessione del permesso umanitario.

Il primo motivo è inammissibile poichè il Tribunale ha motivato in maniera chiara sull’insussistenza dei presupposti della protezione internazionale ed umanitaria.

Il secondo motivo è parimenti inammissibile poichè tendente ad una generica critica del decreto del Tribunale in ordine al diniego del permesso umanitario e, dunque, a al riesame dei fatti.

Al riguardo, in riferimento ad entrambi i motivi, secondo la consolidata giurisprudenza di questa Corte- cui il collegio intende dare continuità- la domanda diretta ad ottenere il riconoscimento della protezione internazionale non si sottrae all’applicazione del principio dispositivo, sicchè il ricorrente ha l’onere di indicare i fatti costitutivi del diritto azionato, pena l’impossibilità per il giudice di introdurli d’ufficio nel giudizio (Cass., n. 27336/18, n. 3016/19).

Inoltre, è stato affermato che la protezione umanitaria tutela situazioni di vulnerabilità – anche con riferimento a motivi di salute – da riferirsi ai presupposti di legge ed in conformità ad idonee allegazioni da parte del richiedente. Ne deriva che non è ipotizzabile nè un obbligo dello Stato italiano di garantire allo straniero “parametri di benessere”, nè quello di impedire, in caso di ritorno in patria, il sorgere di situazioni di “estrema difficoltà economica e sociale”, in assenza di qualsivoglia effettiva condizione di vulnerabilità che prescinda dal risvolto prettamente economico (Cass., n. 3681/19).

Nel caso concreto, il ricorrente non ha allegato fatti specifici relativi alla dedotta situazione di vulnerabilità, limitandosi ad una generica doglianza vertente sull’impedimento all’esercizio delle libertà democratiche- garantite in Italia- nel caso di rimpatrio.

Nulla per le spese, data la mancata costituzione del Ministero intimato.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 7 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 5 settembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA