Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22239 del 12/09/2018

Cassazione civile sez. VI, 12/09/2018, (ud. 09/05/2018, dep. 12/09/2018), n.22239

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9766/2016 proposto da:

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, (OMISSIS), in

persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede dell’AVVOCATURA

dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati

CLEMENTINA PULLI, EMANUELA CAPANNOLO, MAURO RICCI;

– ricorrente –

contro

G.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI GRACCHI

91, presso lo studio dell’avvocato PIERFRANCESCO TORRISI,

rappresentato e difeso dall’avvocato GIUSEPPE TORRISI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 994/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 15/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 09/05/2018 dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO.

Fatto

RILEVATO

che, con atto notificato il 12/4/2016, l’INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE – proponeva ricorso avverso la sentenza emessa dalla Corte d’appello di Catania il 15/10/2005, che aveva riconosciuto in favore di G.G. l’assegno ordinario di invalidità;

che il G. si è costituito con controricorso;

che la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

che è fondata la preliminare eccezione di inammissibilità proposta dal G., avendo costui dimostrato l’avvenuta notifica della sentenza il 4/11/2015, talchè l’impugnazione non risulta rispettosa del terrmine per impugnare previsto dall’art. 326 c.p.c.;

che, pertanto, il ricorso va dichiarato inammissibile, ogni altra questione assorbita, con liquidazione delle spese secondo soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 1.800,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma del dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 9 maggio 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 settembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA