Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22220 del 14/10/2020

Cassazione civile sez. lav., 14/10/2020, (ud. 07/07/2020, dep. 14/10/2020), n.22220

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2275/2015 proposto da:

S.E., domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato GIOVANNI MURRU;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA CENTRO S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DELLE QUATTRO

FONTANE 161, presso lo studio dell’avvocato SANTE RICCI,

rappresentata e difesa dagli avvocati MAURIZIO CIMETTI, GIUSEPPE

PARENTE;

– controricorrente –

e contro

S.C.C.I. S.P.A. – Società di Cartolarizzazione dei Crediti I.N.P.S.,

C.F. (OMISSIS);

– intimata –

e contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli

avvocati ANTONINO SGROI, GIUSEPPE MATANO, LELIO MARITATO, CARLA

D’ALOISIO, EMANUELE DE ROSE, ESTER ADA SCIPLINO;

– resistente con mandato –

avverso la sentenza n. 160/2014 della CORTE D’APPELLO di CAGLIARI

SEZIONE DISTACCATA di SASSARI, depositata il 24/06/2014 r.g.n.

163/2014.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che, con sentenza depositata il 18.6.2014, la Corte d’appello di Cagliari – sez. distaccata di Sassari ha confermato la pronuncia di primo grado che aveva dichiarato inammissibile, siccome tardiva, l’opposizione proposta da S.E. avverso la cartella esattoriale con cui le era stato ingiunto il pagamento di crediti di natura previdenziale;

che avverso tale pronuncia S.E. ha proposto ricorso per cassazione, deducendo tre motivi di censura;

che Equitalia Centro s.p.a. ha resistito con controricorso;

che l’INPS, anche quale mandatario di S.C.C.I. s.p.a., ha depositato delega in calce al ricorso notificatogli.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con i primi due motivi, la ricorrente denuncia violazione degli artt. 137,138,139 e 140 c.p.c., in relazione alla L. n. 46 del 1999, art. 24, per avere la Corte di merito ritenuto la ritualità della notifica effettuata ai sensi dell’art. 140 c.p.c., nonostante che dalle retate di notificazione e dalla documentazione acquisita agli atti si evincesse che le attività previste dalla disposizione cit. non erano state effettuate contestualmente;

che, con il terzo motivo, la ricorrente lamenta violazione degli artt. 137,138,139,140 e 160 c.p.c., sempre con riferimento alla cit. L. n. 46 del 1999, art. 24, per non avere la Corte territoriale esaminato l’eccezione di prescrizione;

che i primi due motivi sono inammissibili, atteso che la questione della mancanza di contestualità degli adempimenti previsti dall’art. 140 c.p.c., è vicenda di cui la sentenza impugnata nulla dice e, richiedendo accertamenti di fatto concernenti un atto extraprocessuale qual è la notifica della cartella esattoriale, non può essere dedotta in questa sede di legittimità senza precisare come e quando essa sarebbe stata introdotta nel giudizio di merito (così da ult. Cass. n. 32804 del 2019);

che, rimanendo logicamente assorbito il terzo motivo, il ricorso va dichiarato inammissibile, provvedendosi come da dispositivo sulle spese del giudizio di legittimità in favore di Equitalia Centro s.p.a., non avendo l’INPS svolto alcuna apprezzabile attività difensiva oltre il deposito della procura in calce al ricorso;

che, in considerazione della declaratoria d’inammissibilità del ricorso, sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, previsto per il ricorso

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna parte ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità in favore di Equitalia Centro s.p.a., che si liquidano in Euro 3.200,00, di cui Euro 3.000,00 per compensi, oltre spese generali in misura pari al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 7 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 14 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA