Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22214 del 04/08/2021

Cassazione civile sez. III, 04/08/2021, (ud. 07/06/2021, dep. 04/08/2021), n.22214

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 31907-2019 proposto da:

H.B., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA OTRANTO, 12,

presso lo studio dell’avvocato MARCO GRISPO, che lo rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE

INTERNAZIONALE SIRACUSA;

– intimati –

nonché contro

MINISTERO DELL’INTERNO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– resistente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di CALTANISSETTA, depositata il

15/10/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/06/2021 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE CRICENTI.

 

Fatto

RITENUTO

CHE:

1.- U.A.F., viene dalla (OMISSIS), da cui è espatriato, a suo dire, per evitare di essere ucciso dal genitore della fidanzata, aderente ad un culto violento, e contrario alla relazione; prima di giungere in Italia, dove ha chiesto protezione internazionale ed umanitaria, è stato in Libia.

2.- Impugna una decisione del Tribunale di Brescia che, non avendo creduto al suo racconto, ha escluso situazioni di vulnerabilità ed ha anche ritenuto che in (OMISSIS) non vi sia alcun conflitto armato generalizzato.

3.- Il ricorso è basato su tre motivi. Il Ministero si è costituito tardivamente e non ha notificato controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

– Il primo motivo denuncia, oltre che motivazione contraddittoria, altresì violazione dell’art. 14, lett. c. La censura verte sulla insufficiente valutazione della situazione esistente in (OMISSIS). Il ricorrente cita fonti alternative e diverse (tra cui una peraltro inconferente, ossia il sito “(OMISSIS)” della Farnesina) a dimostrazione del contrario di quanto assunto dal Tribunale, ritenendo di poter ricavare da tali fonti il clima di violenza diffusa nel suo Paese.

Il motivo è infondato.

Nell’accertamento della situazione del paese di origine, il giudice di merito ha obbligo di cooperazione istruttoria, che si traduce nella necessità di riferirsi alle fonti disponibili, attendibili ed aggiornate: ove, tale criterio sia rispettato, il giudizio è censurabile solo per difetto di motivazione adeguata.

Qui il Tribunale ha fatto ricorso a più di una fonte, ciascuna delle quali di certo attendibile e di certo aggiornata. Con la conseguenza che l’accertamento è insindacabile, né può essere scalfito dalla allegazione di fonti diverse, ad opera del ricorrente, una delle quali, come si è detto, in realtà irrilevante; del resto, si tratta di fonti che non sono di segno contrario, ma che semplicemente indicano situazioni di sporadica violenza, e non già di confitto armato.

6.-Secondo e terzo motivo possono esaminarsi insieme. Attengono alla protezione umanitaria denunciano essenzialmente violazione della L. 25 luglio 1998, n. 286, art. 5.

Il ricorrente contesta al tribunale una insufficiente comparazione tra la situazione personale e quella in cui versa il paese di origine sia una omessa valutazione del periodo trascorso in Libia.

I motivi sono inammissibili.

Quanto alla questione del paese di transito, intanto pur risultando che il ricorrente ha narrato di essere passato dalla Libia, egli tuttavia non allega di aver posto la questione al Tribunale nei termini esatti in cui va posta, ossia deducendo di aver subito vessazioni o vissuto situazioni che lo hanno reso vulnerabile o che hanno inciso sulla sua condizione; il ricorrente deduce solo di aver posto la questione sia con l’atto introduttivo che con la conclusionale ma non dice in che termini l’ha posta; ed è rilevante questa omissione posto che non ogni transito in un altro paese è significativo, ma solo ove abbia inciso sul ricorrente rendendolo vulnerabile.

Quanto invece alla comparazione, anche qui, la decisione del Tribunale è motivata adeguatamente sia con riferimento alle condizioni soggettive che a quelle del paese di origine, mentre, per contro, il ricorrente non ha allegato alcunché a sostegno della sua censura, né a sostegno della valutazione demandata a suo tempo in Tribunale, ossia non ha allegato alcunché quanto alla sua integrazione in Italia, cosi che la censura si dimostra. generica ed inconferente.

7.- Il ricorso va respinto.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla spese. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, la Corte dà atto che il tenore del dispositivo è tale da giustificare il pagamento, se dovuto e nella misura dovuta, da parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, il 7 giugno 2021.

Depositato in Cancelleria il 4 agosto 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA