Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22205 del 26/10/2011

Cassazione civile sez. trib., 26/10/2011, (ud. 29/09/2011, dep. 26/10/2011), n.22205

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – rel. Presidente –

Dott. BOGNANNI Salvatore – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliati in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12 presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende ope

legis;

– ricorrenti –

contro

BRAMA SRL;

– intimato –

avverso la decisione n. 10326/2006 della COMM. TRIBUTARIA CENTRALE di

ROMA, depositata il 15/12/2006;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

29/09/2011 dal Presidente Relatore Dott. FERNANDO LUPI;

preso atto che il PG non ha formulato osservazioni sulla relazione ex

art. 380 bis c.p.c. notificatagli.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, ritenuto che è stata depositata in cancelleria la seguente relazione a sensi dell’art. 380 bis c.p.c.: “La Commissione Tributaria Centrale ha rigettato l’appello dell’Ufficio del registro di Brescia nei confronti della Brama s.p.a., già Brambilla s.p.a. Ha motivato la decisione ritenendo che in forza di norma comunitaria e della norma retroattiva del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 77 l’imposta di registro era inapplicabile alle delibere di emissione di prestiti obbligazionari. Ha proposto ricorso per cassazione affidato ad un motivo l’Agenzia delle Entrate, la contribuente non si è costituita;

Con l’unico motivo l’Agenzia delle Entrate deduce la decadenza della contribuente dal diritto al rimborso a sensi del D.P.R. n. 634 del 1972, art. 75 per essere stata presentata la domanda di rimborso il 16.11.1984 mentre l’imposta era stata pagata il 29.6.1981.

Il motivo è fondato in quanto, anche se la sentenza impugnata tace sulla questione, la decadenza del contribuente è rilevabile d’ufficio e quindi in ogni grado del processo, cfr. tra le tante Cass. N. 4760/09 e n. 20392/04”.

Rilevato che la relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata alle parti costituite, che l’Agenzia delle Entrate ha depositato memoria;

considerato che il Collegio, a seguito della discussione in camera di consiglio, condividendo i motivi in fatto e in diritto della relazione, ritiene che ricorra l’ipotesi prevista dall’art. 375 c.p.c., n. 5 della manifesta fondatezza del ricorso e che, pertanto, la sentenza impugnata vada cassata. La causa può essere decisa nel merito con il rigetto del ricorso introduttivo della contribuente.

In ordine alle spese il tardivo rilievo della decadenza è motivo per compensarle per l’intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito rigetta il ricorso introduttivo della contribuente, compensa le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 29 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 26 ottobre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA