Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22167 del 03/08/2021

Cassazione civile sez. lav., 03/08/2021, (ud. 16/02/2021, dep. 03/08/2021), n.22167

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. BUFFA Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9652-2015 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e

quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. – Società di

Cartolarizzazione dei Crediti I.N.P.S., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA N. 29, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli avvocati CARLA

D’ALOISIO, ANTONINO SGROI, LELIO MARITATO, EMANUELE DE ROSE;

– ricorrenti –

contro

R.R., domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR presso LA

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato MARIATERESA GRIMALDI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1378/2013 del TRIBUNALE di FIRENZE, depositata

il 13/12/2013 R.G.N. 2542/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/02/2021 dal Consigliere Dott. FRANCESCO BUFFA.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

Con sentenza del 13.12.13 il tribunale di Firenze ha dichiarato il sig. Rossignoli non iscrivibile alla gestione commercianti quale socio accomandatario della società Artemide SAS ed ha annullato gli avvisi di addebito contributivi inviatigli dall’INPS.

Con sentenza del 29.01.15 la Corte d’Appello di Firenze ha dichiarato l’appello inammissibile ex art. 348 bis c.p.c., rilevando che l’obbligo di iscrizione è limitato a coloro che partecipano personalmente al lavoro aziendale con abitualità e prevalenza -ciò che nel caso non avveniva – e ritenendo che l’obbligo non poteva riguardare la società che era mera locatrice di mobili propri e si limitava alla riscossione del canone relativo.

Avverso tale sentenza ricorre l’INPS per un motivo, cui resiste il Rossignoli con controricorso, illustrato da memoria.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

Con unico motivo si deduce – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 -violazione della L. n. 613 del 1966, art. 63, L. n. 1397 del 1960, art. 1 e 2 come modificato dalla L. n. 662 del 1996, art. 1, comma 203, artt. 2313,2318 e 2697 c.c., per avere la sentenza impugnata trascurato che l’oggetto sociale della attività era commerciale e che il Rossignoli era unico accomandatario.

Il ricorso è inammissibilie in quanto tardivo.

Infatti, l’ordinanza di inammissibilità della Corte d’appello è stata pronunciata con lettura in udienza del dispositivo e della motivazione contestuale in data 29 gennaio 2015, mentre il ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado è stato proposto solo in data mercoledì 1 aprile 2015, oltre il termine c.d. breve di sessanta giorni di cui all’art. 325 c.p.c., comma 2 (che decorre dall’udienza, come precisato da Cass. Sez. U. n. 25043/16, e Sez. L, ordinanza n. 28018/17 ed altre).

In ragione della soccombenza, parte ricorrente va condannata al pagamento delle spese del giudizio, liquidate come da dispositivo, da distrarsi ex art. 93 c.p.c. in favore dell’av. Maria Teresa Grimaldi, in virtù della dichiarata anticipazione.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quatersi dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Condanna l’Inps al pagamento del spese del presente giudizio che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 3.500,00 per compensi professionali, oltre spese al 15 % ed accessori di legge, da distrarsi in favore dell’avv. Mariateresa Grimaldi.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 16 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 3 agosto 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA