Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22094 del 11/09/2018

Cassazione civile sez. VI, 11/09/2018, (ud. 18/07/2018, dep. 11/09/2018), n.22094

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 23369/2017 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, presso la quale è domiciliata in Roma, alla via dei

Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

N.M., N.A.S., N.G.R.,

N.A.M., nella loro qualità di eredi di N.A.,

rappresentati e difesi, giusta procura speciale in calce al

controricorso, dagli avv.ti Paolo PANARITI e Mariolino LEONARDI, ed

elettivamente domiciliati in Roma, alla via Celimontana, n. 38,

presso lo studio legale del primo difensore;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 2878/18/2016 della Commissione tributaria

regionale della SICILIA, Sezione staccata di CATANIA, depositata in

data 04/08/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/07/2018 dal Consigliere Lucio LUCIOTTI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

1. L’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione affidato a tre motivi, cui replicano gli intimati con controricorso, avverso la sentenza in epigrafe indicata con cui la Commissione tributaria regionale della Sicilia, rilevato l’omesso deposito da parte dell’amministrazione finanziaria della ricevuta postale di spedizione dell’atto di appello, dichiarava, ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 53, comma 2, e art. 22, l’inammissibilità dell’impugnazione proposta dall’Ufficio finanziario avverso la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Catania che aveva accolto il ricorso proposto dal de cuius degli odierni intimati avverso un avviso di liquidazione di una maggiore imposta di registro su un atto di trasferimento di un appezzamento di terreno.

2. Sulla proposta avanzata dal relatore ai sensi del novellato art. 380 bis c.p.c. risulta regolarmente costituito il contraddittorio.

Considerato che:

1. Con il primo motivo di ricorso viene dedotta la violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 22, comma 1, e art. 53, in combinato disposto dagli artt. 2699,2700 e 2727 c.c.. Sostiene la ricorrente che nella specie, a consentire di superare la prova di resistenza evocata dal Supremo consesso di questa Corte nelle sentenze n. 13452 e n. 13453 del 2017, sarebbe sufficiente la distinta/elenco delle raccomandate postali prodotta in giudizio e riprodotta fotograficamente nel ricorso, in ossequio al principio di autosufficienza del ricorso, da cui risulta che la raccomandata postale riferita al ricorso in appello era stata presentata all’ufficio postale per la spedizione in data 21/02/2012 e, quindi tempestivamente rispetto alla scadenza del termine di cui all’art. 327 c.p.c., vigente ratione tempolis (di un anno oltre quarantasei giorni di sospensione per il periodo feriale), per impugnare la sentenza di primo grado (pubblicata in data 07/01/2011 e non notificata), che andava a scadere il 22/02/2012.

2. Il motivo è infondato in quanto la distinta delle raccomandate prodotta dall’Agenzia delle entrate non è utile a superare la predetta prova di resistenza, mancando sulla stessa il timbro dell’ufficio postale accettante (Cass. n. 22878 del 2017, Cass. n. 7312 del 2016 e n. 24568 del 2014).

3. Con il secondo motivo la ricorrente deduce la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 22, comma 1, e art. 53, sostenendo che dall’avviso di ricevimento della raccomandata postale risulta che il plico è stato ricevuto dal destinatario dell’atto in data 23/02/2012 “e quindi il giorno successivo alla scadenza dell’appello”.

4. Il motivo è palesemente infondato in quanto il termine per impugnare scadeva il 22/02/2012, come peraltro ammesso dalla stessa ricorrente a pag. 3 del ricorso e poi contraddittoriamente negato a pag. 11, nell’esposizione del motivo in esame-.

5. Con il terzo motivo la ricorrente deduce la violazione dell’art. 2727 c.c. sostenendo che la CTR avrebbe dovuto desumere dal fatto che l’atto era stato ricevuto dal destinatario in data 23/02/2012, che lo stesso era stato spedito in tempo utile (ovvero il 21 o 22/02/2012).

6. Il motivo è palesemente infondato in quanto la data di spedizione del piego raccomandato deve essere fornita mediante prova documentale dell’avvenuta esecuzione delle formalità presso l’ufficio postale (Cass. n. 3811 del 2014) e non mediante presunzioni, come invece pretende la ricorrente.

7. Conclusivamente, quindi, il ricorso va rigettato e la ricorrente, rimasta soccombente, condannata al pagamento in favore dei controricorrenti delle spese del presente giudizio di legittimità nella misura liquidata in dispositivo. Risultando soccombente una parte ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato per essere amministrazione pubblica difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, non si applica il D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater.

PQM

rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento, in favore dei controricorrenti, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 7.800,00 per compensi ed Euro 200,00 per esborsi, oltre al rimborso delle spese forfetarie nella misura del 15 per cento dei compensi ed agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 18 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 11 settembre 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA