Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 22068 del 11/09/2018

Cassazione civile sez. VI, 11/09/2018, (ud. 08/05/2018, dep. 11/09/2018), n.22068

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28536-2017 proposto da:

C.L., CA.AN., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIALE GIULIO CESARE 95, presso lo studio dell’avvocato RITA

BRUNO, rappresentati e difesi dall’avvocato LORENZO CILIENTO;

-ricorrenti –

contro

OPPIDO SPA, M.R.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 947/2017 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 17/01/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 08/05/2018 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Dato atto che il Collegio ha disposto la motivazione semplificata.

Fatto

RILEVATO

che:

C.L. e Ca.An. hanno richiesto la revocazione della sentenza n. 947/2017 di questa Corte, con cui è stato rigettato il ricorso per cassazione proposto dagli odierni ricorrenti avverso la sentenza della Corte di Appello di Bologna del 16.9.2013 che aveva confermato quella di primo grado, con cui era stata disattesa la domanda di condanna della O.G. e C. s.r.l. al risarcimento dei danni richiesti dai coniugi C.- Ca. e da M.R. per essere stati fraudolentemente indotti ad aderire ad un piano di fabbricazione che aveva comportato la perdita di attitudine edificatoria di terreni di loro proprietà;

illustrata la pregressa vicenda processuale e dato conto dei motivi proposti a sostegno del ricorso per cassazione e delle motivazioni rese da questa Corte a fondamento della pronuncia di rigetto, i ricorrenti hanno richiesto la revocazione ex art. 395 c.p.c., comma 1, n. 4 indicando alcune “emergenze endoprocessuali” -numerate con le lettere da a) a i)- che sarebbero “rimaste inavvertite dalla S.C. nell’esame dei motivi di cassazione” e che, ove fossero state valutate, avrebbero determinato un diverso esito del giudizio;

gli intimati non hanno svolto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il ricorso non individua fatti decisivi che sarebbero stati erroneamente percepiti dalla Corte, ma si risolve nella complessiva contestazione circa il mancato apprezzamento di fatti e circostanze che, con la sentenza impugnata, la Corte ha dichiarato di non poter valutare, in quanto comportanti apprezzamenti di merito in sede di legittimità;

il ricorso risulta pertanto inammissibile, poichè mira a sollecitare ulteriormente una “rivisitazione” dei fatti a prescindere da errori percettivi compiuti dalla Corte, ponendosi pertanto al di fuori del paradigma del rimedio revocatorio, che presuppone un errore di percezione o una “svista” che abbia indotto il giudice a supporre l’esistenza o l’inesistenza di un fatto decisivo che risulti invece incontestabilmente escluso o accertato alla stregua degli atti di causa;

in difetto di attività difensiva degli intimati, non deve provvedersi sulle spese di lite;

sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

PQM

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 8 maggio 2018.

Depositato in Cancelleria il 11 settembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA