Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21981 del 11/09/2018

Cassazione civile sez. VI, 11/09/2018, (ud. 04/07/2018, dep. 11/09/2018), n.21981

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29195-2016 proposto da:

B.M.A., elettivamente domiciliata in ROMA piazza

Cavour presso la Cancelleria della Corte di Cassazione,

rappresentata e difesa dall’avvocato CONCETTA LA DELFA;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso la sede

dell’AVVOCATURA CENTRALE dell’Istituto medesimo, rappresentato e

difeso unitamente e disgiuntamente dagli avvocati VINCENZO STUMPO,

ANTONIETTA CORETTI, VINCENZO TRIOLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 582/2016 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 26/05/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 04/07/2018 dal Consigliere Dott. PAOLA GHINOY.

Fatto

RILEVATO

che:

1. B.M.A. chiedeva con ricorso del 2/12/2009 al Tribunale di Catania la condanna dell’Inps ad erogarle l’indennità di maternità per il periodo dal (OMISSIS).

Il Tribunale di Catania dichiarava la domanda inammissibile per intervenuta decadenza ai sensi del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 considerato che la domanda amministrativa all’Inps era stata presentata in data 28.4.2006, mentre il ricorso giudiziario era stato proposto oltre il termine di un anno e 300 giorni previsto dalla norma.

La Corte d’appello confermava la sentenza di primo grado, argomentando che nessuna contestazione aveva mosso l’appellante alla ricostruzione dei fatti svolta dal primo giudice ai fini dell’individuazione del dies a quo e del computo dei termini decadenziali. Riteneva poi ininfluente il riferimento all’esistenza dell’obbligo del datore di lavoro fatto dalla ricorrente, che aveva agito in giudizio nei confronti dell’Inps.

2. Per la cassazione della sentenza B.M.A. ha proposto ricorso, affidato a tre motivi, illustrati anche con memoria ex art. 380 bis c.p.c., comma 2, cui ha resistito con controricorso l’Inps.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. come primo motivo la ricorrente lamenta la nullità della sentenza per mancata integrazione del contraddittorio nei confronti del datore di lavoro;

2. come secondo motivo, deduce la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 e della L. 29 febbraio 1980, n. 33, art. 1.

Argomenta di avere censurato già nel ricorso in appello l’applicabilità alla fattispecie del D.P.R. n. 639, art. 47 e sostiene che nel caso non era necessaria alcuna domanda amministrativa all’Inps, nè poteva configurarsi alcuna decadenza, ma solo la prescrizione quinquennale per i crediti nei confronti del datore di lavoro. Riferisce che si era realizzato un comportamento illecito del datore di lavoro che, dopo avere corrisposto il trattamento di maternità per il primo periodo di assenza dal lavoro, aveva operato il conguaglio della prestazione con i contributi dovuti all’Inps, pur senza riconoscerla nel prosieguo alla lavoratrice, tanto che l’Ispettorato del Lavoro con nota del 17.3.2008 e la lavoratrice tramite il proprio legale avevano provveduto a chiederne il pagamento all’Inps, mentre il procedimento esecutivo nei confronti del datore di lavoro che faceva seguito al decreto ingiuntivo per il trattamento di maternità si era concluso con verbale di pignoramento negativo;

3. come terzo motivo, deduce l’omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti, in particolare l’interruzione della prescrizione determinata dalla comunicazione del 17 del 2008 protocollo 1186, con la quale l’Ispettorato del lavoro di Catania invitava l’Inps a provvedere alla diretta erogazione dell’indennità di maternità alla lavoratrice.

4. Il primo motivo di ricorso non è fondato: questa Corte ha infatti chiarito, nella stessa sentenza invocata dalla ricorrente (n. 1172 del 2015, dove peraltro la causa era stata proposta nei confronti del datore di lavoro e non dell’Inps) e nei precedenti conformi ivi richiamati, che ai sensi del D.L. n. 663 del 1979, art. 1 (conv. in legge, con modificazioni, dalla L. n. 33 del 1980), l’unico soggetto obbligato ad erogare le indennità di malattia e maternità L. n. 833 del 1978, ex art. 74 è l’Inps, mentre il datore di lavoro è tenuto ad anticiparle, salvo conguaglio con i contributi e le altre somme dovute all’Istituto.

Nel caso, nei confronti del datore di lavoro la B. ha proposto anteriori e separate azioni, mentre quella di cui si tratta è stata da lei proposta nei confronti dell’istituto previdenziale, sicchè il meccanismo dell’anticipazione è venuto meno, essendo stata richiesta in giudizio la prestazione al diretto obbligato.

5. Il secondo motivo di ricorso è inammissibile in quanto non è coerente con la ratio decidendi adottata dal giudice di merito.

La Corte territoriale, nell’ assolvere al suo compito di interpretare la domanda, ha ritenuto che essa fosse stata proposta solo nei confronti dell’obbligato principale, sicchè non poteva darsi rilevanza alle argomentazioni ed alle circostanze fattuali relative alla posizione del datore di lavoro, obbligato solo in via di antiipazione. Tale argomentazione non è stata censurata, limitandosi la ricorrente a valorizzare la medesima situazione in fatto già prospettata in sede di merito, ma non il ragionamento del giudice territoriale che ha ritenuto che la stessa non avesse rilevanza.

6. Il terzo motivo non è fondato.

La richiesta stragiudiziale all’Inps non può valere ad interrompere il termine D.P.R. n. 639, ex art. 47 che è di decadenza, considerato che “sanziona – a norma del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47, commi 2 e 3, nel testo di cui del D.L. n. 384 del 1992, art. 4, comma 1, convertito dalla L. n. 438 del 1992 – la mancata proposizione, entro termini computati in riferimento a determinati svolgimenti del procedimento amministrativo, dell’azione giudiziaria diretta al riconoscimento di determinate prestazioni previdenziali, è dettata a protezione dell’interesse pubblico alla definitività e certezza delle determinazioni concernenti erogazioni di spese gravanti su bilanci pubblici e, di conseguenza, è sottratta alla disponibilità delle parti” (v. da ultimo Cass. Cass. civ. Sez. 6 – Lavoro, Ord., 29/02/2016, n. 3990, n. 8671 del 2016).

7. Per tali motivi, condividendo il Collegio la proposta del relatore, il ricorso, manifestamente infondato, va rigettato con ordinanza in camera di consiglio, ai sensi dell’art. 375 c.p.c., comma 1, n. 5.

8. Le spese del giudizio, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

9. Sussistono i presupposti per il versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17.

PQM

rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 1.500,00 per compensi, oltre ad Euro 200,00 per esborsi, rimborso spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 4 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 11 settembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA