Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21978 del 12/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 12/10/2020, (ud. 24/09/2020, dep. 12/10/2020), n.21978

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1981-2019 proposto da:

A.L., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato GIUSEPPE DE LUCA;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2206/9/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della SICILIA, depositata il 28/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott. LORENZO

DELLI PRISCOLI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Rilevato che:

la contribuente proponeva ricorso avverso avvisi di accertamento e la Commissione Tributaria Provinciale riteneva il ricorso inammissibile perchè proposto oltre i sessanta giorni dalla notifica degli atti impugnati; la Commissione Tributaria Regionale della Sicilia accoglieva parzialmente il ricorso dichiarando il difetto di giurisdizione per il pagamento dei crediti INPS e per il resto confermava la decisione della CTP quanto all’inammissibilità dell’originario ricorso del contribuente; nel merito riteneva infondato il ricorso in quanto la contribuente aveva approfittato di una società “cartiera” utilizzandone le fatture emesse per detrarne l’IVA;

la contribuente proponeva ricorso affidato ad un motivo mentre l’Agenzia delle entrate si costituiva con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Considerato che con l’unico motivo di impugnazione la parte contribuente denuncia nullità della sentenza per violazione di norme processuali in quanto il perfezionamento della notifica degli avvisi di accertamento per inutile decorrenza del termine di compiuta giacenza non può essere considerata attendibile in quanto non vi è prova che la contribuente sia stata avvertita del deposito al fine della compiuta giacenza e nonostante svariate richieste non sono stati mai prodotti gli avvisi di ricevimento delle raccomandate con cui si dava notizia del deposito del piego presso l’ufficio postale.

Il motivo è inammissibile in quanto secondo questa Corte, in presenza di una questione giuridica implicante un accertamento di fatto (nel merito la ricorrente contesta l’affermazione della CTR secondo cui era avvenuto un tentativo di notifica e di tale tentativo era stata data notizia alla contribuente mediante avvisi in busta chiusa raccomandata con avviso di ricevimento cosicchè la contribuente era stata avvertita del deposito al fine della compiuta giacenza), il ricorrente che la proponga in sede di legittimità, onde non incorrere nell’inammissibilità per novità della censura, ha l’onere non solo di allegare l’avvenuta deduzione della questione dinanzi al giudice di merito, ma anche, per il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione, di indicare in quale atto del giudizio precedente lo abbia fatto, per consentire alla Corte di controllare “ex actis” la veridicità di tale asserzione, prima di esaminare nel merito la censura stessa (Cass. n. 32804 del 2019): nella specie la ricorrente non ha nè allegato l’avvenuta deduzione della questione nè tanto meno ha indicato in quale atto del giudizio precedente lo abbia fatto;

Ritenuto che pertanto che il ricorso va dichiarato inammissibile e che le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile; condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 10.000, oltre a spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente principale, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 24 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 12 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA