Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21976 del 31/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 31/10/2016, (ud. 18/02/2016, dep. 31/10/2016), n.21976

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 945-2013 proposto da:

ILVA S.P.A., P.I. (OMISSIS), in persona del Presidente e legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA,

PIAZZA G.MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato LUCIO NICOLAIS,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato EDOARDO LE

BOFFE, giusta delega in atti;

– ricorrente-

contro

B.P., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA CRESCENZIO N. 58, presso lo studio dell’avvocato BRUNO COSSU,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato SAVINA BOMBOI,

giusta delega in atti;

G.P., C.F. (OMISSIS), + ALTRI OMESSI

– controricorrenti –

e contro

M.E.;

– intimato-

avverso la sentenza n. 722/2012 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 26/06/2012 R.G.N. 248/2012;

dita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/02/2016 dal Consigliere Dott. GIUSEPPINA LEO;

udito l’Avvocato NICOLAIS LUCIO;

udito l’Avvocato COSSU BRUNO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUZIO Riccardo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Corte territoriale di Genova, con sentenza depositata il 26/6/2012, in parziale riforma delle pronunzie nn. 1619/2011 (non definitiva) e 225/2012 del Tribunale della stessa sede, determinava in 10 minuti al giorno lavorato anzichè in 6 il tempo di vestizione e condannava la S.p.A. Ilva a pagare le relative differenze come computate dal primo giudice, con la relativa incidenza su retribuzione del periodo feriale e tredicesima mensilità, ed altresì alle spese di primo grado; confermava, nel resto, la pronunzia oggetto di gravame.

Per la cassazione della sentenza ricorre Ilva S.p.A. affidandosi a cinque motivi, ulteriormente illustrati da memoria depositata ai sensi dell’art. 378 codice di rito.

I lavoratori (tranne il M.) resistono con controricorso depositando altresì memorie.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente, deve osservarsi che con atto in data 26 gennaio 2016, notificato ai lavoratori controricorrenti, il 4 febbraio 2016, sottoscritto dal legale rappresentante e dai difensori, l’Ilva S.p.A. in amministrazione straordinaria, ha dichiarato di voler rinunciare al ricorso di cui si tratta ed ha chiesto la compensazione delle spese di lite.

I lavoratori, ad eccezione di M.E., che non ha svolto attività difensiva in questa sede, con memoria in data 12 febbraio 2016, nel prendere atto della rinuncia della società datrice di lavoro, hanno chiesto, nelle conclusioni, che venisse dichiarata l’estinzione del giudizio con condanna dell’Ilva S.p.A. al pagamento delle spese di lite, in ragione dell’ormai consolidata giurisprudenza di legittimità nella materia anche in epoca antecedente a quella di proposizione del ricorso.

Osserva il Collegio che sulla base della documentazione suddetta sussistono i presupposti di cui agli artt. 390 e 391 c.p.c. per dichiarare l’estinzione del giudizio.

Quanto alle spese, avuto riguardo al fatto che il ricorso di cui si tratta è stato depositato in data 11 gennaio 2013, cioè in epoca successiva alla formazione dei consolidati arresti giurisprudenziali di legittimità sul c.d. “tempo tuta” (cfr., ex plurimis, Cass. nn. 5775/2003, 5701/2004; 5496/2006, 17511/2010), in virtù del principio della soccombenza virtuale (v., tra le molte, Cass. n. 5555/2016), la società va condannata al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo, da distrarre, ai sensi dell’art. 93 c.p.c., per il B., in favore degli avvocati Bruno Cossu e Savina Bomboi, antistatari e per gli altri controricorrenti, in favore degli avvocati Sergio Formento, Francesco Formento e Vincenzo Scorsone, antistatari.

Nei confronti del M., rimasto intimato, va dichiarata l’inammissibilità del ricorso, data la rinuncia effettuata dalla società datrice di lavoro al ricorso stesso. Nulla va disposto in ordine alle spese nei confronti di quest’ultimo lavoratore, poichè, come innanzi osservato, il medesimo non ha svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso nei confronti di M.E.. Dichiara estinto il giudizio nei confronti dei controricorrenti. Condanna l’ILVA S.p.A. al pagamento delle spese nei confronti del B., liquidate in Euro 2.500,00 (duemilacinquecento/00) per compensi, oltre Euro 100,00, spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge, da distrarsi in favore degli avvocati Bruno Cossu e Savina Bomboi; condanna inoltre la società ricorrente a pagare al Giannitrapani ed altri Euro 3.500,00 per compensi, oltre Euro 100,00 per esborsi, spese generali nella misura del 15% ed accessori di legge, da distrarsi in favore degli avvocati Sergio Formento, Francesco Formento e Vincenzo Scorsone.

Così deciso in Roma, il 18 febbraio 2016.

Depositato in Cancelleria il 31 ottobre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA