Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21958 del 28/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 28/10/2016, (ud. 22/04/2016, dep. 28/10/2016), n.21958

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – rel. Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 8280-2015 proposto da:

P.E., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PAOLO EMILIO

7, presso lo studio dell’avvocato MARIA PERIFANO, (studio legale

Perifano, Di Giacomo & Partners) che la rappresenta e difende

giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, (OMISSIS), in persona del

Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso il decreto n. 20/2015 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA del

10/11/2014, depositato l’08/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/04/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ELISA PICARONI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

Con ricorso depositato il 3 febbraio 2011 dinanzi alla Corte d’appello di Perugia, P.E. chiedeva la condanna del Ministero dell’economia e delle finanze per la durata irragionevole del giudizio amministrativo introdotto con ricorso del 7 maggio 1996 dinanzi al TAR del Lazio, definito con decreto di perenzione del 16 ottobre 2012, nel quale non risultava presentata istanza di prelievo.

La Corte d’appello ha ritenuto improponibile la domanda di equa riparazione, in applicazione del D.L. n. 112 del 2008, art. 54 come modificato dal D.Lgs. n. 104 del 2010, art. 3, comma 23, all. 4, per mancata presentazione dell’istanza di prelievo nel giudizio presupposto.

P.E. ha proposto ricorso per la cassazione del decreto, sulla base di tre motivi; il Ministero dell’economia e delle finanze ha resistito con controricorso.

Il Collegio, preso atto che nella memoria ex art. 378 c.p.c. la ricorrente ha richiamato la sopravvenuta sentenza della Corte EDU, sez. 1, in data 25 febbraio 2016 (Olivieri ed altri contro Repubblica Italiana) – secondo cui la presentazione dell’istanza di prelievo non garantisce in modo efficace ed effettivo l’accelerazione del giudizio amministrativo, poichè dalla stessa non discende un obbligo del giudice amministrativo di anticipare la trattazione dell’udienza, ma soltanto una facoltà -, e rilevato che la citata sentenza della Corte EDU è stata rimessa, su istanza della Repubblica Italiana, dinanzi alla Grande Camera, la cui pronuncia è necessario attendere ai fini della presente decisione.

PQM

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta civile – 2 della Corte suprema di Cassazione, in sede di riconvocazione, il 13 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 ottobre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA