Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21925 del 07/09/2018

Cassazione civile sez. I, 07/09/2018, (ud. 06/07/2018, dep. 07/09/2018), n.21925

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Presidente –

Dott. TRICOMI Laura – rel. Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25569/2013 proposto da:

Regione Basilicata, in persona del Presidente pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Via Cassiodoro n. 1/A, presso lo

studio dell’avvocato Costantino Giorgio, che la rappresenta e

difende, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Icla Costruzioni Generali S.p.a. in Liquidazione, in persona del

liquidatore pro tempore, Clelia Finance S.r.l., in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliate in

Roma, Largo Sarti n. 4, presso lo studio dell’avvocato Capponi

Bruno, che le rappresenta e difende unitamente all’avvocato Di Falco

Domenico, giusta procure a margine del controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 3988/2013 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 11/07/2013;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

06/07/2018 dal Cons. Dott. TRICOMI LAURA.

Fatto

RITENUTO

che:

La Regione Basilicata ricorre con un motivo per la cassazione della sentenza della Corte di appello di Roma che ha dichiarato inammissibile l’impugnazione del lodo depositato il 27/12/2011 e notificato alla Regione Basilicata in forma esecutiva il 15/01/2011, perchè proposto tardivamente in data 08/02/2012, oltre il termine di novanta giorni fissato dall’art. 828 c.p.c..

Replicano con controricorso la ICLA COSTRUZIONI GENERALI SPA e Clelia Finance SRL.

Il ricorso è stato fissato per l’adunanza in camera di consiglio del 06/07/2018, ai sensi dell’art. 375 c.p.c., u.c. e art. 380 bis c.p.c., comma 1.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

– con atto sottoscritto a firma congiunta da tutte le parti, depositato dopo la fissazione della data dell’adunanza camerale, ma prima del suo svolgimento, la ricorrente e le controricorrenti hanno dichiarato di rinunciare al ricorso ai sensi dell’art. 390 c.p.c.;

– in conseguenza di ciò, il giudizio di legittimità va dichiarato estinto ex artt. 390 e 391 c.p.c.;

– le parti hanno concordato la compensazione delle spese.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 6 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 7 settembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA