Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21895 del 09/10/2020

Cassazione civile sez. lav., 09/10/2020, (ud. 08/07/2020, dep. 09/10/2020), n.21895

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. BUFFA Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3218-2015 proposto da:

– I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA n. 29 presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati ANTONINO SGROI,

LELIO MARITATO, CARLA D’ALOISIO e EMANUELE DE ROSE;

– ricorrente –

contro

C.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LIVORNO 61/A

int. 7, presso il Sig. EMILIANO CORARETTI, rappresentato e difeso

dall’avvocato FRANCESCO CATAPANO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2269/2014 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 13/11/2014, R.G.N. 164/2013.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. Con sentenza del 13.11.14, la Corte di Appello di Bari, in riforma della sentenza del tribunale di Trani del 25.9.12, ha ordinato all’INPS la restituzione alla signora C.M. della somma di Euro 21.604, a titolo di contributi volontari versati – nella gestione autonoma coltivatori diretti – dal fratello e dante causa della medesima, sig. C.A., nel periodo 28.10.99-16.1.06.

2. In particolare, la corte territoriale ha ritenuto che i contributi versati fossero indebiti e che l’Inps fosse tenuto alla restituzione d’ufficio D.P.R. n. 1432 del 1971, ex art. 10 senza che occorresse la domanda amministrativa ritenuta invece necessaria dal giudice di prime cure.

3. Avverso tale sentenza ricorre l’INPS per un motivo; resiste con controricorso la signora C..

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

4. Con univo motivo di ricorso si deduce – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 – violazione del D.P.R. n. 1432 del 1972, art. 10 D.Lgs. n. 184 del 1998, art. 9; D.P.R. n. 468 del 1968, art. 5, u.c.; L. n. 155 del 1981, art. 7; artt. 2033 e 2041 c.c., per avere la sentenza impugnata trascurato che il generale principio in materia di contributi inutilizzati è quello relativo alla non restituzione.

5. Il controricorrente solleva eccezione di tardività del ricorso, deducendo che lo stesso è stato presentato in data 20.1.15, come da relata sottoscritta dall’ufficiale giudiziario, laddove il termine scadeva il giorno precedente 19. L’eccezione è infondata, posto che dalla medesima relata risulta l’affidamento dell’atto all’ufficiale giudiziario in data 19, e che la sottoscrizione in calce all’atto attesta tutto il contenuto dell’atto, ivi compreso il riferimento temporale all’affidamento dell’atto (non occorrendo allo scopo una ulteriore sottoscrizione della relata per specifica attestazione della data di consegna). Peraltro, il ricorrente ha in ogni caso prodotto ricevuta – ritualmente sottoscritta dall’ufficiale giudiziario – della consegna dell’atto per la notifica, da cui risulta la data del 19.

6. Il ricorso dell’INPS è fondato.

7. Ai sensi del Decreto 2 maggio 1996, n. 282, art. 1 recante Regolamento recante la disciplina dell’assetto organizzativo e funzionale della gestione e del rapporto assicurativo di cui alla L. 8 agosto 1995, n. 335, art. 2, comma 32, l’iscritto alla gestione separata di cui all’art. 1, qualora cessa l’attività lavorativa autonoma che ha dato luogo all’obbligo dell’iscrizione alla predetta gestione, può conseguire il requisito contributivo per il diritto a pensione mediante il versamento di contributi volontari alla gestione medesima.

Qualora gli iscritti alla gestione non raggiungono i requisiti per il diritto ad una pensione autonoma, ma conseguono la titolarità di un trattamento pensionistico diverso, hanno diritto alla liquidazione della pensione supplementare.

I contributi versati nella gestione separata per periodi successivi alla data di decorrenza della pensione a carico della gestione stessa danno titolo a un supplemento di pensione, la cui liquidazione può essere richiesta per la prima volta quando sono decorsi due anni dalla data di decorrenza della pensione e, successivamente, dopo cinque anni dalla data di decorrenza del precedente supplemento.

8. Nel caso di specie, deve evidenziarsi che si tratta di contributi volontari versati dal sig. C.A. nella gestione autonoma coltivatori diretti, per attività lavorativa svolta sia prima che dopo il conseguito pensionamento di vecchiaia.

9. Tali contributi non hanno consentito all’assistito di fruire di riliquidazione del trattamento pensionistico di vecchiaia (non essendo stata richiesta tale riliquidazione, per la parte di contribuzione volontaria relativa a periodi precedenti il pensionamento, e non essendo oggetto di questo giudizio), nè del supplemento di pensione sulla pensione di vecchiaia in godimento (riferito questa volta ai contributi relativi a periodi successivi al pensionamento, oggetto di questo giudizio), del pari non richiesto dall’assistito; la domanda del supplemento presentata dalla sorella è stata invece respinta per l’ostacolo formale temporale relativo alla presentazione della domanda (ai sensi dell’art. 1, comma 3 citato decreto, che consente come detto il supplemento solo dopo che siano decorsi due anni dalla costituzione della pensione).

10. In altri termini, i contributi volontari versati dall’assistito non sono contributi indebiti, ma sono contributi astrattamente utilizzabili per beneficiare della pensione supplementare o del supplemento di pensione ai sensi delle richiamate disposizioni.

11. In tal contesto, la sentenza impugnata ha fatto applicazione del D.P.R. n. 1432 del 1971, artt. 10 che prevede l’obbligo dell’ente previdenziale di rimborso all’assicurato dei contributi indebiti, considerando tali i “contributi versati in ritardo” o “in contrasto con le disposizioni” del decreto o “per periodi comunque coperti da contribuzione effettiva o figurativa”.

12. Ciò posto, deve rilevarsi che nella specie i contributi volontari versati non rientrano in alcuna delle categorie indicate dal D.P.R. predetto, bensì sono contributi solo rimasti inutilizzati in concreto (benchè utilizzabili in astratto).

13. Ne consegue l’inapplicabilità della norma su richiamata relativa alla restituzione d’ufficio dei contributi e l’applicazione del principio generale alla base del sistema delle assicurazioni sociali, proprio in quanto fondate sul principio assicurativo (v. Cass., Sez. L, Sentenza n. 27669 del 15/12/2005, Rv. 585652 – 01)-, secondo il quale in linea generale i contributi non utilizzati o non utilizzabili sono incamerati dall’ente previdenziale e non vengono restituiti all’interessato.

14. Il principio ha trovato applicazione sia con riferimento ai contributi utilizzati per la formazione della pensione supplementare che il pensionato ha facoltà di richiedere (Cass. Sez. U, Sentenza n. 879 del 17/01/2007, Rv. 594252 – 01), sia con riferimento a contributi che sia impossibile utilizzare (Cass., Sez. L -, Sentenza n. 30234 del 15/12/2017, Rv. 646480 – 01), Sez. L, Sentenza n. 12596 del 12/11/1999, Rv. 531090 – 01; Sez. Lav., sentenza n. 13382 del 29.10.01, Rv. 549883-01; vedi pure Cass. Sez. L, Sentenza n. 1572 del 26/01/2006, Rv. 586854 – 01), escludendosi il diritto alla restituzione in ragione dell’autonomia e del carattere non sinallagmatico dell’obbligazione contributiva e di quella previdenziale e, da un lato, della connessa inapplicabilità dei principi in materia di risoluzione dei contratti a prestazioni corrispettive, nonchè delle norme in tema d’indebito oggettivo e di ingiustificato arricchimento, e dall’altro lato, dell’inesistenza di un principio generale di restituzione dei contributi legittimamente versati in relazione ai quali non si siano verificati, nè possano più verificarsi i presupposti per la maturazione del diritto ad una prestazione previdenziale.

15. La sentenza impugnata va dunque cassata. Non essendo necessari ulteriori accertamenti, la causa può essere decisa nel merito, con il rigetto della domanda di restituzione proposta dalla signora C..

16. Le spese dell’intero processo, in relazione sia al due gradi del giudizio di merito che al giudizio di legittimità, possono essere compensate in considerazione del complesso carattere tecnico della materia.

PQM

La Corte accoglie il ricorso e, per l’effetto, cassa la sentenza impugnata; decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo della lite proposto da C.M.. Spese dell’intero giudizio compensate.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale, il 8 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 9 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA