Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21890 del 21/10/2011

Cassazione civile sez. I, 21/10/2011, (ud. 13/07/2011, dep. 21/10/2011), n.21890

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROVELLI Luigi Antonio – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – rel. Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 744/2007 proposto da:

P.G., S.G., SA.GI., S.

M., nella qualità di eredi di S.V., domiciliati in

ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA CIVILE DELLA CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’avvocato RUTA Carmelo, giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

CURATELA DEL FALLIMENTO DI C.N.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 628/2006 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 28/07/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/07/2011 dal Consigliere Dott. ALDO CECCHERINI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GOLIA Aurelio, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

1. Con sentenza 28 luglio 2006, la Corte d’appello di Catania ha respinto l’appello proposto dal signor S.V. avverso la sentenza del tribunale di Modica, che aveva dichiarato inammissibile l’opposizione da lui proposta nel dicembre 1992 allo stato passivo del fallimento di C.N., non iscritta a ruolo e poi riassunta nel novembre 2000.

2. Per la cassazione della sentenza, non notificata, ricorrono gli eredi di S.V., signori P.G., Gi., M. e S.G., per due motivi, con atto notificato il 15 dicembre 2006.

Il fallimento non ha svolto difese.

3. Con il primo motivo di ricorso si denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 165 c.p.c., R.D. n. 267 del 1942, art. 98 e art. 71 disp. att. c.p.c., e vizi di motivazione. Si formula il quesito di diritto “se gli adempimenti espletati dall’opponente possano essere sufficienti a perfezionare la costituzione in giudizio anche in mancanza del deposito della nota d’iscrizione a ruolo”.

4. Con il secondo motivo si denuncia la violazione dell’art. 2727 c.c., e segg.. Si formula il quesito di diritto “se la motivazione della sentenza di merito sia da ritenere congrua dal punto di vista logico ed immune da errori di diritto e rispettosa dei principi che regolano la prova per presunzioni”.

5. I due quesiti sono inammissibili. Il primo intende far discendere la decisione dagli adempimenti espletati dall’esponente, e per la sua genericità e al tempo stesso per il suo esclusivo riferimento ad una fattispecie concreta non costituisce un quesito di diritto. Il secondo fa esplicito riferimento al sindacato sulla motivazione, e si pone dunque fuori dell’area dei quesiti di diritto.

6. In conclusione il ricorso deve essere dichiarato inammissibile. In mancanza di difese svolte dal fallimento non v’è luogo a pronuncia sulle spese del giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima della Corte Suprema di Cassazione, il 13 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA