Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21876 del 07/09/2018

Cassazione civile sez. VI, 07/09/2018, (ud. 05/07/2018, dep. 07/09/2018), n.21876

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9770/2017 proposto da:

EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE S.P.A., C.F. (OMISSIS), quale

Società incorporante della EQUITALIA SUD S.P.A., in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA

piazza Cavour presso la Cancelleria della Corte di Cassazione,

rappresentata e difesa dall’avvocato MASSIMO COLLA’ RUVOLO;

– ricorrente –

contro

B.B., elettivamente domiciliato in ROMA piazza Cavour

presso la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentato e

difeso dall’avvocato SIMONA DE SIMONE;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 11868/33/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI, depositata il 29/12/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 05/07/2018 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con ricorso in Cassazione affidato a un motivo, nei cui confronti la parte contribuente ha resistito con controricorso, l’agente della riscossione impugnava la sentenza della CTR della Campania, relativa ad un avviso d’iscrizione ipotecaria, disposta dal concessionario per iscrizioni a ruolo eseguite per varie annualità, per debiti tributari e non tributari rimasti insoluti.

Con l’unico morivo, il concessionario deduce la violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 60 e del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 26, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in quanto, erroneamente, i giudici d’appello avevano ritenuto non provata la notifica della previa comunicazione, del D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 50, comma 2 e art. 77, comma 2 bis, avendo ritenuto che l’avviso di ricevimento dell’invio diretto per posta ordinaria, fosse privo dei requisiti essenziali.

Il motivo è fondato, in quanto, premessa l’autosufficienza del ricorso, ex art. 360 c.p.c. e art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, dall’esame dell’avviso di ricevimento del plico contenente la comunicazione di iscrizione ipotecaria, la stessa risulta ritualmente notificata in data 26.11.2012 e ricevuta a mani di familiare convivente, Sig.ra R.A. che in tal modo si è qualificata, curandone la ricezione, non sussistendo, pertanto, i vizi formali rilevati dai giudici d’appello.

La sentenza va, pertanto, cassata e la causa va rinviata alla Commissione tributaria regionale della Campania, affinchè, alla luce di quanto sopra esposto, riesamini il merito della controversia.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Accoglie il ricorso.

Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale della Campania, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 5 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 7 settembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA