Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21872 del 28/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 28/10/2016, (ud. 12/10/2016, dep. 28/10/2016), n.21872

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCININNI Carlo – Presidente –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – Consigliere –

Dott. SABATO Raffaele – rel. Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28913-2011 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

C.B.;

– intimato –

sul ricorso 28025-2012 proposto da:

C.B. rappresentato e difeso da se medesimo, elettivamente

domiciliato in ROMA VIA ELEONORA D’ARBOREA 30, presso lo studio

dell’avvocato C.B.;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE (OMISSIS) PROVINCIALE DI ROMA UFFICIO

LEGALE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 181/2010 della COMM.TRIB.REG. di ROMA,

depositata il 05/10/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/10/2016 dal Consigliere Dott. RAFFAELE SABATO;

udito per il ricorrente l’Avvocato CASELLI che ha chiesto

l’accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL

CORE SERGIO che ha concluso per l’accoglimento del ricorso

incidentale, assorbito il ricorso principale.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il concessionario per la riscossione ha notificato a C.B., avvocato, cartella di pagamento per complessivi Euro 8.039,68 per omesso versamento degli acconti e del saldo IRAP e per omesso versamento e minor credito IVA, nonchè sanzioni e interessi per mancato adempimento del versamento relativo al secondo trimestre IVA; il tutto in base a controllo automatizzato effettuato sull’UNICO/2003 per l’anno di imposta 2002.

Il concessionario ha poi notificato al contribuente altra cartella di pagamento per complessivi Euro 16.507,54 per omesso versamento degli acconti e del saldo IRAP, per omesso versamento IVA, per sanzioni e interessi per mancato adempimento del versamento relativo al primo, secondo e terzo trimestre IVA, nonchè per mancato versamento addizionale regionale; il tutto in base a controllo automatizzato effettuato sull’UNICO/2004 per l’anno di imposta 2003.

Il contribuente ha impugnato le cartelle innanzi alla commissione tributaria provinciale di Roma che, riuniti i due ricorsi, li ha rigettati. La sentenza di primo grado è stata appellata dal contribuente ed è stata riformata dalla commissione tributaria regionale del Lazio in Roma, con decisione che, accogliendo l’appello, ha statuito il non sussistere del presupposto impositivo per l’IRAP, con “assorbimento di tutte le altre censure”.

Avverso la sentenza della commissione regionale propone ricorso per cassazione l’agenzia delle entrate, affidato a due motivi previa dichiarazione di acquiescenza alla sentenza impugnata limitatamente alla non debenza dell’IRAP, rispetto al quale il contribuente non svolge difese.

Avanzate dalla parte contribuente in data 12 marzo 2012 istanze telematiche di definizione delle liti pendenti in ordine alle due cartelle a norma del D.L. n. 98 del 2011, art. 39, comma 12, esse sono state rigettate con provvedimenti notificati il 3 ottobre 2012.

Avverso questi provvedimenti di diniego la parte contribuente propone impugnazione su un unico motivo, cui l’agenzia delle entrate resiste con controricorso.

I procedimenti riuniti sono trattati all’odierna udienza di discussione, in vista della quale entrambe le parti depositano memorie.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Il testo del D.L. n. 98 del 2011, art. 39, comma 12, come risultante dal D.L. 29 dicembre 2011, n. 216, art. 29, comma 16 bis, convertito, con modificazioni, dalla L. 24 febbraio 2012, n. 14, dispone che “al fine di ridurre il numero delle pendenze giudiziarie e quindi concentrare gli impegni amministrativi e le risorse sulla proficua e spedita gestione del procedimento di cui al comma 9 le liti fiscali di valore non superiore a 20.000 Euro in cui è parte l’Agenzia delle entrate, pendenti alla data del 31 dicembre 2011 dinanzi alle commissioni tributarie o al giudice ordinario in ogni grado del giudizio e anche a seguito di rinvio, possono essere definite, a domanda del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio, con il pagamento delle somme determinate ai sensi della L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 16”. L’art. 39, comma 12, lett. C) prevede anche la sospensione dei termini “… per la proposizione di ricorsi, appelli, controdeduzioni, ricorsi per cassazione, controricorsi e ricorsi in riassunzione, compresi i termini per la costituzione in giudizio”.

2. – Ciò posto, nel caso di specie, essendo il valore delle due liti, cumulate solo processualmente, ciascuna inferiore a Euro 20.000 (anche a non voler tener conto dell’acquiescenza dell’ufficio in ordine alla non debenza dell’IRAP), le istanze di definizione avanzate durante la pendenza della lite sono state rigettate dall’ufficio con riferimento motivazionale, nel provvedimento, al punto 4.2 della circolare n. 48/E del 24 ottobre 2011, ove si fa menzione della non definibilità, in via generale e con alcune eccezioni, in ordine alle pretese scaturenti da atti meramente liquidativi, conseguenti a ruoli emessi per imposte e ritenute indicate dai contribuenti e dai sostituti d’imposta nelle dichiarazioni presentate, ma non versate. Secondo l’agenzia, al recupero delle imposte non versate non si provvede, infatti, mediante atto “impositivo” che presupponga la rettifica della dichiarazione, ma con atto di mera riscossione, ricognitivo di quanto indicato dal contribuente o dal sostituto nella dichiarazione.

3. – Al riguardo, va chiarito che come già affermato da questa corte (v. da ultimo sez. 6 – 5, n. 1295 del 2016) in tema di condono fiscale, rientrano nel concetto di lite pendente, con possibilità di definizione agevolata ai sensi della L. n. 289 del 2002, art. 16, comma 3, le controversie relative a cartella esattoriale emessa ex D.P.R. n. 600 del 1973, art. 36 bis, non preceduta da atto di accertamento, la quale, come tale, è impugnabile non solo per vizi propri, ma anche per motivi attinenti al merito della pretesa impositiva, trattandosi del primo e unico atto con cui la pretesa fiscale viene comunicata al contribuente.

Invero il D.L. n. 98 del 2011, art. 39, comma 12, per quel che concerne l’individuazione degli atti le cui liti sono definibili secondo la procedura descritta nel medesimo articolo, rinvia alla L. n. 289 del 2002, art. 16 che, al comma 3, dà una definizione di lite pendente intendendo per tale “quella in cui è parte (l’agenzia delle entrate) avente ad oggetto avvisi di accertamento, provvedimenti di irrogazione delle sanzioni e ogni altro atto di imposizione, per i qualit è stato proposto l’atto introduttivo del giudizio, nonchè quella per la quale l’atto introduttivo sia stato dichiarato inammissibile con pronuncia non passata in giudicato”.

Ora, se è vero che la circolare n. 48 del 2011 dell’agenzia delle entrate ha assunto altra posizione in ordine alle cartelle notificate a seguito di controllo automatizzato di dichiarazioni, è anche vero che la giurisprudenza di questa corte è ferma nel ritenere che in caso di cartella di pagamento emessa ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 36 bis, l’atto non rappresenta la mera richiesta di pagamento di una somma definita con precedenti atti di accertamento, ma riveste anche natura di atto impositivo, trattandosi del primo ed unico atto con cui la pretesa fiscale è stata esercitata nei confronti del dichiarante, con conseguente sua impugnabilità, anche per contestare il merito della pretesa impositiva. Peraltro, questa Corte ha riaffermato (v. anche per richiami la sent. del 2016 cit.) che esulano dal concetto normativo di lite pendente e, quindi, dalla possibilità di definizione agevolata ai sensi dalla L. 27 dicembre 2002, n. 289, art. 16, soltanto le controversie aventi ad oggetto provvedimenti di mera liquidazione del tributo, emanati senza il previo esercizio di un potere discrezionale dell’amministrazione, cioè senza accertamento o rettifica e senza applicazione di sanzioni, ciò che non è nel caso di specie.

4. – Su tali basi, non pare dubbio che le contestazioni mosse, anche alla luce della chiarita natura dell’atto, rendono definibile la lite, a prescindere dal fondamento delle contestazioni stesse.

5. – Va dunque accolta l’impugnazione dei provvedimenti di diniego di definizione, con assorbimento dell’esame del ricorso per cassazione e dichiarazioni di estinzione del giudizio, restando fermo il potere dell’amministrazione di verificare la correttezza del corrisposto e altri profili non investiti della disamina in sede giudiziaria (v. sez. 5 n. 22043 del 2006).

6. – Vanno alla luce della tipologia di decisione compensate le spese degli interi procedimenti riuniti.

PQM

La Corte accoglie il ricorso avverso i provvedimenti di diniego di condono di cui al procedimento riunito n.r.g. 28025-12 e dichiara estinto il procedimento riunito n.r.g. 28913-11; compensa le spese degli interi giudizi.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Quinta Civile, il 12 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 28 ottobre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA