Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21821 del 07/09/2018

Cassazione civile sez. trib., 07/09/2018, (ud. 22/03/2018, dep. 07/09/2018), n.21821

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIRGILIO Biagio – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. PERRINO Ma – A. –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 24165 del ruolo generale dell’anno 2014

proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del direttore generale pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

i cui Uffici in Roma, via dei Portoghesi n. 12, è domiciliata;

– ricorrente –

contro

Assimoco Vita s.p.a., in persona del legale rappresentante,

rappresentata e difesa, per procura speciale in calce al

controricorso, dall’Avv. Guido Bartalini, elettivamente domiciliata

presso lo studio del medesimo difensore in Roma, via delle Quattro

Fontane, n. 161;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria

Regionale della Lombardia n. 1038/38/14, depositata in data 26

febbraio 2014;

udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 22 marzo 2018

dal Consigliere Giancarlo Triscari.

Fatto

RILEVATO

che:

l’Agenzia delle entrate ricorre con unico motivo per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia in epigrafe con la quale è stato respinto l’appello da essa proposto e confermata la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Milano che aveva accolto il ricorso della Assimoco s.p.a. e ritenuta la illegittimità dell’avviso di accertamento impugnato;

Il giudice di appello ha premesso, in punto di fatto, che: con l’atto impugnato l’Agenzia delle entrate aveva notificato alla Assimoco s.p.a., un avviso di accertamento con il quale era stata contestata l’omessa fatturazione di operazioni imponibili Iva, relativamente all’anno di imposta 2007, e irrogata la relativa sanzione, in quanto le prestazioni rese dalla società contribuente nell’ambito degli accordi di coassicurazione erano da considerarsi imponibili ai fini Iva e non esenti; la Assimoco s.p.a. aveva proposto ricorso avverso il suddetto atto, contestando la legittimità dell’atto impugnato, in quanto il rapporto intercorrente tra le società coassicuratrici rientrava nell’ambito del mandato, sicchè trovava applicazione il regime di esenzione di cui al D.P.R. n. 633 del 1972, art. 10; l’Agenzia delle entrate, costituendosi, aveva eccepito la legittimità della pretesa; la Commissione tributaria provinciale aveva accolto il ricorso, avendone ritenuta la fondatezza atteso che le prestazioni rese dalla coassicuratrice delegataria dovevano essere considerate accessorie alla prestazione principale; avverso la pronuncia del giudice di primo grado aveva proposto appello l’Agenzia delle entrate, nel contraddittorio con la contribuente;

la Commissione tributaria regionale della Lombardia ha rigettato l’appello ed ha confermato la decisione del giudice di primo grado, avendo ritenuto, in diritto, che le prestazioni eseguite dalla delegataria erano da considerarsi necessarie e indispensabili per l’attività assicurativa e di diretto interesse anche di chi riceve la prestazione;

avverso la suddetta pronuncia ha proposto ricorso l’Agenzia delle entrate affidato a unico motivo di censura;

la Assimoco Vita s.p.a. si è costituita con controricorso, eccependo l’inammissibilità del ricorso, in quanto la pretesa impositiva era stata esercitata nei confronti della Assimoco s.p.a., soggetto giuridico diverso dalla controricorrente.

Diritto

CONSIDERATO

che:

deve preliminarmente essere esaminata l’eccezione di inammissibilità del ricorso proposto dalla controricorrente;

in particolare, la controricorrente ha eccepito di non essere stata parte del processo tributario svoltosi in primo grado dinanzi alla Commissione tributaria provinciale di Milano e, successivamente, in grado di appello, dinanzi alla Commissione tributaria regionale della Lombardia, in quanto sia l’atto di accertamento che i giudizi tributari hanno riguardato altro soggetto, la Assimoco s.p.a., diverso dall’odierna controricorrente;

l’eccezione è fondata;

il presente ricorso risulta notificato alla Assimoco Vita s.p.a., cod. fisc. (OMISSIS);

dall’esame della pronuncia del giudice di appello si evince che l’atto di contestazione n. (OMISSIS) era stato emesso nei confronti della Assimoco s.p.a.;

nel ricorso proposto dall’Agenzia delle entrate risulta precisato, in sede di ricostruzione del fatto e svolgimento del processo, che:

i verbalizzanti hanno ritenuto che le prestazioni di servizio ricevute dalla Assimoco s.p.a., nell’ambito degli accordi di coassicurazione, quale delegata ria, ovvero, delegante, sono da considerarsi imponibili ai fini dell’imposta sul valore aggiunto (pag. 2 del ricorso); Si è costituita ritualmente in giudizio l’Agenzia delle entrate controdeducendo a tutte le eccezioni sollevate dalla ricorrente, ribadendo la legittimità dell’atto impugnato e chiedendo la riunione del giudizio a quelli portanti i nn. di RG 2742/12 (Assimoco Vita) e 2745/12 (Assimoco s.p.a.) (pag. 3 del ricorso) e che la Commissione tributaria provinciale aveva rigettato l’istanza di riunione avuto riguardo alla parziale diversità soggettiva delle ricorrenti;

dalla documentazione prodotta dalla controricorrente, in particolare dalle visure relative alle società in esame, si evince che la Assimoco s.p.a. ha iniziato la propria attività nel 1978, mentre la Assimoco Vita s.p.a. ha iniziato la propria attività nel 1991, e che le stesse hanno diverso numero di codice fiscale e di partita IVA;

parte ricorrente, dinanzi alla eccezione proposta dalla controricorrente, non ha addotto alcuna argomentazione diretta a contrastare le risultanze documentali sopra indicate;

ne consegue che la controricorrente è soggetto diverso da quello nei confronti del quale è stata fatta valere la pretesa impositiva e che ha preso parte ai giudizi tributari di primo e secondo grado, sicchè la notifica del presente ricorso è da considerarsi inammissibile in quanto effettuata nei confronti di soggetto che non è il legittimo contraddittore;

ne consegue l’inammissibilità del ricorso;

la condanna alle spese di lite, liquidate in dispositivo, segue la soccombenza.

PQM

La Corte:

dichiara inammissibile il ricorso.

Condanna parte ricorrente al pagamento in favore della controricorrente delle spese di lite del presente grado di giudizio che si liquidano in complessive Euro 1.000,00, oltre spese forfettarie nella misura del 15 per cento e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione quinta civile, il 22 marzo 2018.

Depositato in Cancelleria il 7 settembre 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA