Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21753 del 29/07/2021

Cassazione civile sez. II, 29/07/2021, (ud. 22/10/2020, dep. 29/07/2021), n.21753

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2001-2019 proposto da:

B.F., B.G., B.M., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA DOMENICO CHELINI 5, presso lo studio

dell’avvocato MARCO TORTORELLA, che li rappresenta e difende giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, in persona del Ministro pro 2020 tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– resistente –

avverso il decreto n. cronol. 2644/2018 della CORTE D’APPELLO di

PERUGIA, depositato il 06/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/10/2020 dal Consigliere BESSO MARCHEIS CHIARA.

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO

CHE:

M., G. e B.F., in proprio e nella qualità di eredi di B.E. e di S.G., ricorrono in cassazione avverso il Decreto 6 giugno 2018, n. 2644, con cui la Corte d’appello di Perugia ha condannato il Ministero della giustizia a pagare in favore dei ricorrenti Euro 5.375 pro quota ereditaria ed Euro 2.210 in proprio a ciascuno, quale equa riparazione per l’irragionevole durata della causa che ha visto quale parte il de cuius B.E..

Il Ministero della giustizia si è costituito decorso il termine di cui all’art. 370 c.p.c., “al fine di ricevere l’avviso di fissazione dell’udienza in camera di consiglio e ai fini della partecipazione della discussione in pubblica udienza”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

CHE:

1. Il ricorso è articolato in tre motivi.

Il primo motivo denuncia “violazione e falsa applicazione degli artt. 35 e 6, par. 1 della convenzione Europea dei diritti dell’uomo, la L. n. 89 del 2001, artt. 2, 3 e 6, artt. 112 e 132 c.p.c.”: la Corte d’appello, dopo avere indicato che i ricorrenti si erano costituiti nel giudizio presupposto di primo grado, ha poi nello stesso decreto affermato che le parti ricorrenti hanno affrontato il solo giudizio di appello.

Il motivo è fondato. La Corte d’appello dopo avere premesso (v. p. 5 del decreto impugnato) che, a seguito del decesso di B.E., i suoi eredi si costituivano nel giudizio di primo grado, all’udienza del 25 maggio 1992 (il giudizio di primo grado, iniziato nel gennaio 1976, si chiudeva con l’emissione della sentenza n. 15896 del 2004), ha poi affermato che “le parti ricorrenti hanno affrontato il solo giudizio di appello dal 13 gennaio 2005 fino alla sentenza emessa il 7 giugno 2011”.

2. L’accoglimento del primo motivo comporta l’assorbimento del secondo (che contesta “violazione e falsa applicazione degli artt. 35 e 6 della convenzione Europea dei diritti dell’uomo, la L. n. 89 del 2001, artt. 2, 3 e 6, artt. 112 e 132 c.p.c.” in ordine al quantum liquidato) e del terzo motivo (che fa valere “violazione o falsa applicazione degli artt. 1123,1226,1227 e 2056 c.c., la L. n. 370 del 1999, art. 11 e D.Lgs. n. 257 del 1991, artt. 112 e 132 c.p.c.” per il riconoscimento dei soli interessi moratori e non di quelli compensativi).

3. Il provvedimento impugnato va pertanto cassato in relazione al motivo accolto e la causa va rinviata alla Corte d’appello di Perugia, che provvederà anche in relazione alle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo, assorbiti il secondo e il terzo motivo di ricorso, cassa il provvedimento impugnato e rinvia la causa, anche per le spese del giudizio di legittimità, alla Corte d’appello di Perugia in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Adunanza Camerale della sezione seconda civile, il 22 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 29 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA