Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21711 del 19/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 19/09/2017, (ud. 12/06/2017, dep.19/09/2017),  n. 21711

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11140/2016 proposto da:

M.R., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MICHELE MERCATI

51, presso lo studio dell’avvocato EDOARDO D’ELIA, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SPA, in persona del Curatore Fallimentare,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la

Cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato ANDREA CHIESA;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza 932/2016 del TRIBUNALE di TORINO, depositata il

24/03/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 12/06/2017 dal Consigliere Dott. MAURO DI MARZIO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

M.R. ricorre per la cassazione del decreto del Tribunale di Torino n. cron. 932/2016 depositato il 24 marzo 2016 che ha dichiarato inammissibile la sua opposizione allo stato passivo del FALLIMENTO (OMISSIS) S.P.A..

Il FALLIMENTO (OMISSIS) S.P.A. si è costituito con controricorso.

Il ricorrente ha depositato memoria.

Considerato che:

Con l’unico motivo di ricorso si lamenta la “Violazione o falsa applicazione di norme di diritto dell’art. 113 c.p.c., con particolare riferimento all’art. 345 c.p.c.” deducendo che erroneamente il Tribunale ha rilevato il giudicato esterno derivante nel presente giudizio dal previo rigetto di analoga istanza di ammissione al passivo, atteso che la domanda formulata dal ricorrente in quel procedimento doveva essere dichiarata inammissibile, in quanto nuova siccome formulata per la prima volta in sede di opposizione allo stato passivo.

Il fallimento eccepisce l’inammissibilità del ricorso, di cui chiede comunque il rigetto.

Ritenuto che:

Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

Il ricorso è inammissibile poichè pretende di censurare la mancata declaratoria di nullità della domanda formulata dall’odierno ricorrente in un diverso e precedente giudizio, nel quale tuttavia si è certamente formato il giudicato, non essendo stato impugnato il decreto del Tribunale di Torino del 17 febbraio 2015, reiettivo della domanda di ammissione al passivo qui reiterata.

Nessuna censura investe il decreto oggi impugnato in relazione all’accertamento della effettiva coincidenza con il giudizio coperto giudicato, siccome avente riguardo ad espressa pronuncia di rigetto della medesima domanda di restituzione del prezzo pagato per l’acquisto dell’immobile (sebbene in misura diversa).

Le spese seguono la soccombenza.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento, in favore del controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 5.500,00, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15% ed agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Motivazione semplificata.

Depositato in Cancelleria il 19 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA