Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21682 del 19/10/2011

Cassazione civile sez. VI, 19/10/2011, (ud. 21/09/2011, dep. 19/10/2011), n.21682

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. STILE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 8001-2010 proposto da:

FARM ALAICO SPA (OMISSIS) in persona del Presidente,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI RIPETTA 22, presso lo

studio dell’avvocato VESCI GERARDO, che la rappresenta e difende

unitamente agli avvocati PUGLIESE ANTONIO, PUGLIESE PAOLO, giusta

mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

P.T. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA SS. PIETRO E PAOLO 50, presso lo studio dell’avvocato MAURO

VINCENZO, rappresentata e difesa dagli avvocati PALERMO DOMENICO,

ALESSANDRO LEO, giusta procura speciale per atto notaio Rocco

Guglielmo di Catanzaro, in data 3.3.2010, n. rep. 141473, che viene

allegata in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 48/2010 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO del

29.10.09, depositata il 14/01/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/09/2011 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLO STILE;

udito per la ricorrente l’Avvocato Truppa Tullio (per delega avv.

Gerardo Vesci) che si riporta agli scritti.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. CARLO DESTRO

che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

La Corte, letta la relazione del Cons. Paolo Stile;

udite le richieste del P.M., dott. DESTRO Carlo.

esaminati gli atti:

Fatto

OSSERVA

rilevato che la Farm Alarico S.p.A. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza n. 48/2010, emessa dalla Corte d’Appello di Catanzaro il 29/10/2009;

che, si è costituita, mediante deposito di controricorso, la dott.sa P.T.;

che il predetto ricorso (R.G. 8001/2010) è stato assegnato alla 6^ sez. civile Lavoro;

che, nelle more, le parti sono addivenute a componimento bonario della controversia giusto verbale di conciliazione del 29/07/2010 redatto presso l’Ufficio Provinciale del Lavoro di Catanzaro, ove si stabiliva di abbandonare giudizio pendente dinanzi a questa Corte con compensazione delle spese;

ritenuto, pertanto, in conseguenza dell’assenza di interesse alla prosecuzione del giudizio che il ricorso debba essere dichiarato inammissibile con compensazione delle spese.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e compensa le spese.

Così deciso in Roma, il 21 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 19 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA