Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21670 del 19/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 19/09/2017, (ud. 11/05/2017, dep.19/09/2017),  n. 21670

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. DE STEFANO Franco – rel. Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 2894-2016 proposto da:

B.S., in difetto di elezione di domicilio in Roma da

considerarsi per legge ivi domiciliata presso la CORTE SUPREMA DI

CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato FILIPPO POLIZZI;

– ricorrente –

contro

MEDIOLANUM VITA S.P.A., – C.F. (OMISSIS), in persona del suo

procuratore speciale, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA DEL

POPOLO 3, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO DAGNINO, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4004/2015 del TRIBUNALE di PALERMO, depositata

il 02/07/2015;

udita la relazione svolta nella camera di consiglio del dì

11/05/2017 dal Consigliere Dott. Franco DE STEFANO.

Fatto

RILEVATO

che:

B.S. ricorre, affidandosi a tre motivi, per la cassazione della sentenza n. 4004 del 02/07/2015 con cui il tribunale di Palermo, in accoglimento dell’appello di Mediolanum Vita spa, ha rigettato la sua domanda di restituzione della differenza tra quanto conseguito in forza di una polizza di assicurazione vita denominata “(OMISSIS)” e quanto versato alla sua sottoscrizione, dispiegata in primo momento per nullità o inadempimento contrattuale e poi accolta dall’adito giudice di pace per la violazione, invocata in sede di note conclusive in primo grado, dell’art. 23 TUF (D.Lgs. n. 58 del 1998);

resiste con controricorso la Mediolanum Vita spa;

è stata formulata proposta di definizione in camera di consiglio ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., comma 1, come modificato dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, art. 1 bis, comma 1, lett. e), conv. con modif. dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il Collegio ha raccomandato la redazione della motivazione in forma semplificata;

la ricorrente si duole: col primo motivo, di “violazione e falsa applicazione del D.Lgs. 58 del 1998, art. 23, dell’art. 112 c.p.c., dell’art. 1421 c.c.”; col secondo motivo, di “violazione e/o falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c.”; col terzo motivo, di “violazione e falsa applicazione degli artt. 21 e 23 T.U.F., nonchè degli artt. 28, 29 Delib. CONSOB 1 luglio 1998”;

i primi due motivi, congiuntamente esaminati, sono manifestamente fondati: la nullità di protezione può essere rilevata anche di ufficio (Cass. Sez. U. 12/12/2014, n. 26242), ma – per di più – nella specie essa era stata dedotta quanto meno in sede di conclusioni davanti al giudice di pace (sicchè neppure si versa nell’ipotesi particolare in cui il precedente principio è stato ritenuto inapplicabile da Cass. 16/03/2016, n. 5249, per insuperabile diversità ontologica dei contratti cui si riferivano le domande) ed inoltre non risulta che di tale profilo si fosse esplicitamente doluta l’appellante Mediolanum;

il terzo ed ultimo motivo è anch’esso fondato: la responsabilità dell’intermediario finanziario per incompletezza dell’informazione fornita sull’operazione proposta (come pure di quella assunta sulle caratteristiche dell’investitore) va qualificata contrattuale e non extracontrattuale, in base ai principi già affermati da questa Corte (Cass. 12/06/2015, n. 12262); nè pregiudica il merito della questione la valutazione della corte territoriale (v. pag. 7, ottava riga, della gravata sentenza) sulla completezza dell’informazione, tanto essendo stato evidentemente espresso ai soli fini della decorrenza del termine prescrizionale, ma non avendo impegnato ex professo alcuna stima dell’adeguatezza dei profili invece necessari a quel fine;

la manifesta fondatezza dei motivi di ricorso ne impone l’accoglimento, con cassazione della gravata sentenza e rinvio al medesimo ufficio giudiziario, ma in persona di diverso giudicante, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità;

non vi sono i presupposti, per essere stato il ricorso accolto, per l’applicazione del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, in tema di contributo unificato per i gradi o i giudizi di impugnazione.

PQM

 

accoglie il ricorso; cassa la gravata sentenza; rinvia al tribunale di Palermo, in persona di diverso giudicante, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 11 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 19 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA