Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21604 del 19/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 19/09/2017, (ud. 07/07/2017, dep.19/09/2017),  n. 21604

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21714/2016 proposto da:

T.S. e D.D., elettivamente domiciliati in

Roma, via Lungotevere Flaminio 76, presso lo studio dell’avvocato

Antonella Faieta, rappresentati e difesi dall’avvocato Antonio Di

Blasio;

– ricorrenti –

contro

DITTA INDIVIDUALE IMPRESA EDILE DI D.C.L., in

persona del suo titolare e legale rappresentante, elettivamente

domiciliato in Roma, Via Susa 1, presso lo studio dell’avvocato Ida

Di Domenica, rappresentato e difeso dall’avvocato Giuseppe

Cafarelli;

– controricorrente –

e contro

B.E.;

– intimato –

avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di PESCARA, depositata l’8/6/2016;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

07/07/2017 dal Consigliere LUIGI GIOVANNI LOMBARDO.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– T.S. e D.D. hanno proposto due motivi di ricorso per la cassazione dell’ordinanza di cui in epigrafe, con la quale il Tribunale di Pescara ha rigettato l’opposizione da essi proposta avverso il decreto di liquidazione del compenso al C.T.U. ing. B.E. nel procedimento n. 1035/2013 R.G. pendente tra i predetti e la Ditta Individuale Impresa Edile di D.C.L.;

– la Ditta Individuale Impresa Edile di D.C.L. ha resistito con controricorso;

– B.E., ritualmente intimato, non ha svolto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– preliminarmente va rilevata l’inammissibilità del ricorso, ai sensi dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 3, per la mancata esposizione dei fatti della causa, in quanto i ricorrenti non riproducono alcuna narrativa della vicenda processuale, non consentendo così alla Corte la comprensione dell’oggetto della controversia e del tenore del provvedimento impugnato in coordinamento con i motivi di censura (Cass., Sez. U, n. 16628 del 17/07/2009; cfr. anche, Sez. U, n. 5698 del 11/04/2012; Sez. 6-3, n. 22860 del 28/10/2014);

– il ricorso va, pertanto, dichiarato inammissibile, con conseguente condanna della parte ricorrente, risultata soccombente, al pagamento delle spese processuali, liquidate come in dispositivo;

– la controricorrente ha chiesto la condanna dei ricorrenti al pagamento di una somma equitativamente determinata, ai sensi dell’art. 96 c.p.c., comma 3, introdotto dalla L. n. 69 del 2009;

– il ricorso, palesemente al di fuori del “modello legale” configurato dall’art. 366 c.p.c., appare proposto a fini dilatori sì da costituire abuso del diritto all’impugnazione (Cass., Sez. 3, n. 19285 del 29/09/2016);

– ricorrono, pertanto, le condizioni previste dall’art. 96 c.p.c., comma 3 – applicabile ratione temporis, essendo stato il giudizio instaurato dopo l’entrata in vigore della L. n. 69 del 2009 – per condannare i ricorrenti al pagamento in favore della controparte di una somma equitativamente determinata, liquidata come in dispositivo;

– ricorrono i presupposti di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, per il raddoppio del versamento del contributo unificato.

PQM

 

dichiara inammissibile il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento, in favore della parte controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 1.000,00 (mille) per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.

condanna altresì la parte ricorrente al pagamento, in favore della parte controricorrente, della somma di Euro 500,00, ai sensi dell’art. 96 c.p.c., comma 3;

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile, il 7 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 19 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA