Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2160 del 30/01/2020

Cassazione civile sez. trib., 30/01/2020, (ud. 20/11/2019, dep. 30/01/2020), n.2160

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. PAOLITTO Liberato – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – Consigliere –

Dott. D’ORIANO Milena – Consigliere –

Dott. VECCHIO Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20585-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

M.G., rappresentato e difeso dall’AVV. CASAMASSIMA DOMENICO

ed elettivamente domiciliato presso lo studio dell’AVV. TOMASSINI

CLAUDIO in Roma VIALE SS. PIETRO E PAOLO n. 50;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 125/2015 della COMM. TRIB. REG. di BARI,

depositata il 22/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

20/11/2019 dal Consigliere Dott. MASSIMO VECCHIO.

Fatto

RITENUTO

1. – La Commissione tributaria regionale della Puglia con sentenza n. 125/10/15 dell’11 dicembre 2014, pubblicata il 22 gennaio 2015, in riforma della sentenza della Commissione tributaria provinciale di Bari n. 239/4/13, ha accolto il ricorso proposto dal contribuente M.D. avverso l’avviso, notificato il 12 luglio 2011, di liquidazione del saldo delle maggiori imposte di registro, ipotecaria e catastale (a tariffa ordinaria) dovute – in dipendenza dalla decadenza dalle agevolazioni per l’arrotondamento della piccola proprietà contadina previste dalla L. 6 agosto 1954, n. 604, – in relazione alla registrazione, eseguita il 12 dicembre 2006 (colla applicazione delle tariffe ridotte), dell’atto pubblico di compravendita di un fondo rustico, rogato il 5 dicembre 2006;

2. – L’Avvocatura generale dello Stato, mediante atto del 22 luglio 2015, ha proposto ricorso per cassazione nei confronti del signor M.G..

3. – L’intimato ha resistito mediante controricorso del 1 settembre 2015, eccependo l’inammissibilità della impugnazione. E, con memoria recante la data del 4 novembre 2019, depositata l’11 novembre 2019, ha insistito nelle rassegnate conclusioni.

Diritto

CONSIDERATO

1. – Preliminare è lo scrutinio della eccezione di inammissibilità del ricorso per cassazione, formulata dal controricorrente sotto il profilo del difetto della propria legittimazione passiva.

1.1 – L’eccezione è fondata.

Risulta per tabulas che la ricorrente ha proposto la impugnazione nei confronti di soggetto ( M.G.) affatto estraneo al rapporto processuale, laddove la sentenza impugnata fu pronunciata nel giudizio promosso da persona diversa ( M.D.) contro la Agenzia delle entrate.

Orbene, fatti salvi i casi – pacificamente non ricorrenti nella specie – della successione, a titolo universale o particolare, nel rapporto controverso, ovvero del conferimento della rappresentanza sostanziale e processuale, “è inammissibile il ricorso per cassazione proposto nei confronti di chi, dalla sentenza impugnata, non risulti essere stato parte del giudizio di merito” (Sez. 4, Sentenza n. 6348 del 16/03/2009, Rv. 607420 – 01; cui adde Sez. 5, Sentenza n. 6196 del 27/03/2015, Rv. 635006 – 01; Sez. 4, Sentenza n. 2131 del 31/01/2014, Rv. 630283 – 01).

1.2 – Consegue, in applicazione del superiore principio di diritto, la declaratoria della inammissibilità del ricorso.

2. – Le spese processuali, congruamente liquidate nel dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al

pagamento delle spese processuali che liquida in Euro 1.800,00 per compensi, oltre spese forfettarie e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della V Sezione Civile il 20 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA