Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2160 del 29/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 2160 Anno 2018
Presidente: ARMANO ULIANA
Relatore: SCRIMA ANTONIETTA

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 28282-2016 proposto da:
TIRAFILI CRISTINA, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA
86, presso lo studio dell’avvocato FABRIZIO GARZUGLIA, che la
rappresenta e difende;
– ricorrente contro
AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI 97210890584, in persona
del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA
DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che la rappresenta e difende;
– controrícorrente avverso la sentenza n. 682/2015 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,
depositata il 26/11/2015;

Data pubblicazione: 29/01/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 25/10/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIETTA
SCRIMA.
Rilevato che
Cristina Tirafili ha proposto ricorso per cassazione, basato su tre

Perugia, depositata in data 26 novembre 2015;
ha resistito con controricorso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli;
la proposta del relatore è stata comunicata alle parti, unitamente al
decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio, ex art.
380-bis cod. proc. civ.
la ricorrente, con istanza datata 17 ottobre 2017, depositata in
Cancelleria, ha rappresentato che pendono trattative per la
definizione conciliativa della causa e che i procuratori e le parti
necessitano, a tal fine, di ulteriore tempo e ha chiesto, pertanto, il
rinvio della causa;
ritenuto che
detta istanza può essere accolta, stante la pendenza di trattative per
il bonario componimento della lite
P.Q.M.
La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.
Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta
Civile – 3 della Corte Suprema di Cassazione, il 25 ottobre 2017.

motivi, avverso la sentenza n. 682/2015 della Corte di appello di

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA