Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2159 del 29/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 2159 Anno 2018
Presidente: AMENDOLA ADELAIDE
Relatore: D’ARRIGO COSIMO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso iscritto al n. 28245-2016 R.G. proposto da:
Sandroni Lucia, elettivamente domiciliata in Roma, piazza Cavour presso la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa dall’avvocato Daniele Sandroni;

– ricorrente contro
Immobiliare Nuovo Habitat s.r.I., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via
della Giuliana, n. 32, presso lo studio dell’avvocato Fabrizio
Alessandro Passarini, rappresentata e difesa dall’avvocato Roberto Regni;

– controricorrente contro
Sabatucci Corrado;

– intimato avverso la sentenza n. 1003/2016 della Corte d’appello di Ancona, depositata il 19/08/2016;

Data pubblicazione: 29/01/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio
non partecipata del 13/09/2017 dal Consigliere Dott. Cosimo
D’Arrigo.

RITENUTO
Lucia Sandroni ha proposto opposizione all’esecuzione promos-

tando che la copia conforme del titolo esecutivo notificatogli,
costituito da un rogito notarile di compravendita, fosse nulla in
quanto carente della formula esecutiva, invece presente
sull’originale.
Il Tribunale ha accolto l’opposizione, ma la decisione è stata riformata in grado d’appello, sulla base dell’assunto che si tratterebbe di un vizio sanabile per effetto della proposizione della
stessa opposizione. Tale attività difensiva, infatti, sarebbe dimostrativa del raggiungimento dello scopo, ovvero della compiuta acquisizione, da parte dell’esecutata, delle ragioni del
credito fatto valere nei suoi confronti.
Avverso tale decisione la Sandroni ha proposto ricorso articolato in cinque motivi, illustrato da successive memorie. La Immobiliare Nuovo Habitat s.r.l. ha resistito con controricorso e
ha depositato memorie. Il notaio Corrado Sabatucci, dal quale
la società aveva chiesto di essere manlevata in caso di invalidità del titolo esecutivo, non ha svolto attività difensiva.
Il consigliere relatore, ritenuta la sussistenza dei presupposti di
cui all’art. 380-bis cod. proc. civ. (come modificato dal comma
1, lett. e), dell’art. 1-bis d.l. 31 agosto 2016, n. 168, conv. con
modif. dalla I. 25 ottobre 2016, n. 197), ha formulato proposta
di trattazione del ricorso in camera di consiglio non partecipata.

CONSIDERATO
La questione di diritto sottoposta all’attenzione di questa Corte
Ric. 2016 n. 28245 sez. M3 – ud. 13-09-2017
-2-

sa ai suoi danni dalla Immobiliare Nuovo Habitat s.r.I., lamen-

concerne il caso particolare in cui il titolo esecutivo notificato al
debitore esecutato diverge dall’originale perché privo della
formula esecutiva.
La Corte d’appello ha ritenuto di risolvere il problema invocando il principio generale della sanatoria dei vizi processuali per

ragionamento presupporrebbe la preventiva individuazione di
quale sia lo scopo effettivo della norma che impone
l’apposizione della formula esecutiva anche sulla copia del titolo esecutivo che deve essere notificata al debitore.
Ma la questione è scrutinabile anche sotto il diverso profilo
dell’esistenza o meno di un interesse ad agire. Infatti, com’è
noto, la deduzione di un vizio formale del processo deve essere
accompagnata dall’indicare di quale sarebbe il pregiudizio che
ne sia derivato.
Dunque, occorrerebbe verificare quale pregiudizio possa derivare al debitore dall’assenza della formula esecutiva sulla copia
di un titolo esecutivo di formazione non giudiziale, peraltro notificato in uno con l’atto di precetto.
Una simile questione, però, ha valore potenziale nomofilattico.
Pertanto, in considerazione della particolare rilevanza della
questione di diritto prospettata, il ricorso deve essere trattato
in pubblica udienza, ai sensi degli artt. 380-bis, terzo comma,
e 375, secondo comma, cod. proc. civ.
P.Q.M.
dispone che la trattazione del ricorso avvenga in pubblica
udienza, presso la Sezione Terza Civile.
Così deciso in Roma, il 13 settembre 2017.

raggiungimento dello scopo. La verifica dell’esattezza di tale

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA