Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21580 del 18/09/2017

Cassazione civile, sez. VI, 18/09/2017, (ud. 19/04/2017, dep.18/09/2017),  n. 21580

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16263/2016 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

S.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEGLI

SCIPIONI, 268/A, presso lo studio dell’avvocato VALERIO CIONI, che

lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato ALESSANDRO

GIOVANNINI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2339/10/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di FIRENZE SEZIONE DISTACCATA di LIVORNO, depositata il

28/12/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 19/04/2017 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ricorso in Cassazione affidato a un unico motivo, nei cui confronti il contribuente ha resistito con controricorso illustrato da memoria, l’Agenzia delle Entrate impugnava la sentenza della CTR della Toscana, relativa ad un avviso d’accertamento in tema d’Irpef per il 2007, per una ripresa a tassazione effettuata con metodo sintetico, sulla base degli indici di cui al cd. redditometro, del D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 38, comma 5, lamentando, per quanto d’interesse, la violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, vigente ratione temporis, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in quanto, erroneamente i giudici d’appello avrebbero ritenuto decaduto l’ufficio dall’azione accertativa, perchè l’avviso d’accertamento, ai sensi del primo comma della norma di cui alla rubrica, doveva essere notificato entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello nel quale andava presentata la dichiarazione per l’anno 2007, da effettuarsi, quindi, nel 2008, in quanto, la stessa CTR ha ritenuto che il modello 770 presentato dal datore di lavoro, valeva come dichiarazione che, quindi, non poteva ritenersi omessa, in riferimento alla maggiore capacità contributiva accertata che, invece, secondo l’ufficio, poichè non dichiarata, andava, invece, considerata omessa, così che il termine per la notifica dell’avviso d’accertamento era quello di cui dell’art. 43 cit., comma 2, cioè, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo.

Il Collegio ha deliberato di adottare la presente decisione in forma semplificata.

Il motivo è fondato.

Infatti, nella presente vicenda, è pacifico che il contribuente non abbia presentato alcuna dichiarazione dei redditi (modello unico ovvero 730), così come è pacifico che sia stato inviato solo il modello 770 da parte del datore di lavoro, quale sostituto d’imposta, attestante esclusivamente l’imputabilità in capo all’odierna parte ricorrente della disponibilità di redditi da lavoro dipendente e ciò nel 2008 per i redditi relativi al 2007. Tuttavia, dalla parte narrativa del ricorso risulta in maniera pacifica che il Sig. S.G. abbia dichiarato redditi, tramite il sostituto d’imposta, per Euro 8.510,00 che non giustificavano il possesso nel biennio 2007-2008 di due autovetture e una moto di grossa cilindrata, nonchè l’acquisto di un’abitazione principale, che in quanto manifestazioni di ricchezza non dichiarata, hanno determinato da parte dell’ufficio la ricostruzione induttiva del reddito che richiedeva, a quel punto, la presentazione di apposita dichiarazione dei redditi per gli anni in contestazione, che, invece, non fu presentata, con conseguente termine per l’amministrazione di notificare l’avviso d’accertamento in quello più ampio di cui dell’art. 43 cit., comma 2 (31 dicembre del quinto – e non quarto – anno successivo), pertanto, l’avviso d’accertamento impugnato, che afferiva all’anno d’imposta 2007 e notificato il 24.12.2013 è stato tempestivo.

La sentenza va, pertanto, cassata e rinviata nuovamente alla sezione regionale della Toscana, affinchè, alla luce dei principi sopra esposti, riesamini il merito della controversia.

PQM

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Accoglie il ricorso.

Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Commissione Tributaria Regionale della Toscana, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 19 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 18 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA