Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21563 del 18/09/2017

Cassazione civile, sez. lav., 18/09/2017, (ud. 16/05/2017, dep.18/09/2017),  n. 21563

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9825/2012 proposto da:

C.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI GRACCHI 209,

presso lo studio dell’avvocato CESARE CARDONI, che rappresenta e

difende unitamente all’avvocato GUIDO CONTICELLI, giusta delega in

atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati LELIO MARITATO,

CARLA D’ALOISIO ANTONINO SGROI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 201/2011 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 12/04/2011, R. G. N. 8966/2008.

Fatto

CONSIDERATO IN FATTO

1. La Corte d’appello di Roma ha confermato la sentenza del Tribunale di Viterbo di rigetto della domanda proposta da C.M. di accertamento dell’inesistenza del credito dell’Inps di cui al verbale ispettivo del 15/11/2004. La Corte ha riferito che era stato contestato al C., quale titolare di uno studio professionale di consulenza esercente con carattere di abitualità e prevalenza, l’omessa iscrizione in alcuna gestione ed in particolare la mancata iscrizione nel registro degli esercenti attività commerciali nel periodo luglio 1999/luglio 2002 e l’erronea iscrizione nel registro artigiani, invece che in quello dei commercianti, per il periodo successivo.

Secondo la Corte il C. non aveva fornito elementi idonei a dimostrare la sussistenza di soggetti giuridici distinti tra la ditta individuale e la società in accomandita semplice succeduta alla prima; l’espletamento di differenti attività tra i due soggetti, il diverso avvicendamento della ditta individuale e la soc. in accomandita di cui il C. era socio accomandatario. La Corte ha, inoltre, rilevato che il C. non aveva specificamente criticato la statuizione del Tribunale circa la sussistenza dei presupposti per l’iscrizione nella gestione commercianti.

2. Avverso la sentenza ricorre il C. con un motivo ulteriormente illustrato con memoria ex art. 378 c.p.c.. Resiste l’Inps.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

1. Con un unico motivo il ricorrente denuncia violazione dell’art. 2697 c.c., nonchè vizio di motivazione. Rileva che spettava all’Inps la prova della diversità tra la ditta individuale e la soc. in accomandita succeduta alla prima: la ditta individuale svolgeva consulenza in campo tributario e la seconda elaborazioni di dati per conto terzi. Censura l’affermazione della Corte secondo cui non era stato adeguatamente criticato quanto affermato dal Tribunale circa l’inquadramento nel settore commerciale. Rileva che, poichè l’elaborazione dati era stata considerata attività manifatturiera, la stessa circolare dell’Inps ammetteva l’iscrizione quale artigiano, qualora sussistessero i presupposti. Deduce che all’epoca dei fatti l’attività era svolta prevalentemente dal socio accomandatario con la conseguenza che correttamente aveva chiesto l’iscrizione negli artigiani.

2. Il motivo è infondato. Circa la diversità tra i due soggetti, la ditta individuale e la soc. in accomandita, il ricorrente non espone sotto quale profilo assuma rilievo decisivo tale circostanza omettendo di esporre i fatti rilevanti in violazione dell’art. 366 c.p.c. e formulando in sostanza un motivo privo di specificità. Riferisce che nell’atto di appello la questione era stata adeguatamente affrontata con le censure alla decisione del Tribunale, ma non riporta il contenuto del ricorso in appello, nè, tantomeno, il contenuto della sentenza del Tribunale limitandosi ad affermare che doveva ritenersi del tutto infondato l’accertamento contenuto nel verbale ispettivo, anch’esso neppure riportato nei tratti salienti, e le conseguenti pretese economiche.

Quanto alla sussistenza dei presupposti per l’iscrizione nel commercio il ricorrente si limita ad una critica generica dell’affermazione della Corte d’appello secondo cui il ricorso in appello non conteneva specifiche censure alla statuizione del Tribunale che, invece secondo la Corte, aveva “puntualmente argomentato con riferimento alle risultanze istruttorie in ordine all’inquadramento nel settore terziario…ed alla conseguente corretta iscrizione nella gestione commercianti “.

A riguardo il ricorrente afferma che, contrariamente a quanto affermato dal giudice d’appello, aveva segnalato con l’impugnazione come del tutto correttamente si era iscritto nella gestione artigiani non sussistendo i presupposti per l’iscrizione a quella del commercio.

Anche sotto tale profilo il motivo è, tuttavia, del tutto generico non avendo riportato le censure che si assumono svolte avverso la sentenza del Tribunale al fine di confermare l’infondatezza delle affermazioni della Corte d’appello; in definitiva la Corte territoriale non ha in alcun modo posto l’onere probatorio in capo al C., limitandosi ad affermare che questi non aveva adeguatamente censurato quanto a riguardo affermato dal Tribunale.

Per le considerazioni che precedono il ricorso deve essere rigettato con condanna del ricorrente, soccombente, a pagare le spese del presente giudizio.

PQM

 

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente a pagare le spese processuali liquidate in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 2.000,00 per compensi professionali,oltre 15% per spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 16 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 18 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA