Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21561 del 18/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 18/09/2017, (ud. 04/05/2017, dep.18/09/2017),  n. 21561

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 6052-2012 proposto da:

MINISTERO LAVORO POLITICHE SOCIALI DIREZIONE PROVINCIALE LAVORO

CUNEO, C.F. (OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso L’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

S.F., C.F. (OMISSIS), in proprio e quale titolare omonima

ditta, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DI TRASONE 8, presso

lo studio dell’avvocato CIRIACO FORGIONE, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato GIAN FRANCO TOPPINO, giusta delega

in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 945/2011 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 21/06/2011 R.G.N. 223/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/05/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELESTE Alberto, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato FORGIONE ERCOLE per l’Avvocato TOPPINO GIAN FRANCO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza depositata il 21.6.2011, la Corte d’appello di Torino dichiarava inammissibile per difetto di specificità l’appello proposto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali avverso la pronuncia di primo grado che aveva accolto l’opposizione proposta da S.F. avverso la sanzione amministrativa irrogatagli D.L. n. 223 del 2006, ex art. 36-bis, (conv. con L. n. 248 del 2006), per avere occupato alle proprie dipendenze un lavoratore extracomunitario non risultante dalle scritture obbligatorie.

Ricorre contro tale pronuncia il Ministero, formulando un unico motivo, articolato in più censure in rito e in merito. Resiste con controricorso S.F..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di censura, parte ricorrente denuncia violazione dell’art. 342 c.p.c. e vizio di motivazione, nonchè violazione del D.L. n. 223 del 2006, art. 36-bis, (conv. con L. n. 248 del 2006), per avere la Corte di merito ritenuto che l’appello non contenesse alcuna censura specifica della ratio decidendi su cui si era basata la pronuncia di primo grado, che aveva annullato la sanzione irrogata all’odierno controricorrente sul rilievo che imputargli di non aver denunciato l’instaurazione di un rapporto di lavoro con un lavoratore extracomunitario sprovvisto di permesso di soggiorno avrebbe implicato, data la rilevanza penale della condotta oggetto di denuncia, una palese violazione dell’esimente generale secondo cui nemo tenetur se detegere.

Il motivo è inammissibile.

Muovendo dal principio secondo cui l’esercizio del potere di diretto esame degli atti del giudizio di merito, riconosciuto al giudice di legittimità ove sia denunciato un error in procedendo, presuppone comunque l’ammissibilità del motivo di censura, onde la parte ricorrente non è dispensata dall’onere di specificare il contenuto della critica mossa alla sentenza impugnata, indicando precisamente nel ricorso per cassazione i fatti processuali alla base dell’errore denunciato, questa Corte ha da tempo chiarito che, ove censuri la statuizione di inammissibilità per difetto di specificità di un motivo di appello, la parte ricorrente ha l’onere di specificare, nel ricorso, le ragioni per cui ritiene erronea tale statuizione del giudice di appello e sufficientemente specifico, invece, il motivo di gravame sottoposto a quel giudice, e non può limitarsi a rinviare all’atto di appello, ma ha l’onere di trascrivere il contenuto del mezzo di impugnazione nella misura necessaria ad evidenziarne la specificità (così Cass. n. 12664 del 2012, sulla scorta di Cass. n. 20405 del 2006; per analoghe applicazioni del medesimo principio v.Cass. nn. 19410 del 2015, 11738 del 2016).

Tanto premesso, è agevole rilevare che, a fronte della dettagliata motivazione della Corte territoriale circa la genericità del motivo di gravame, parte ricorrente non ha assolto agli oneri che le competevano, dal momento che non ha riportato nel ricorso il contenuto dell’originario mezzo di impugnazione neanche nella misura necessaria ad evidenziarne la rivendicata specificità.

Il ricorso, pertanto, va dichiarato inammissibile. Le spese del giudizio di legittimità seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna parte ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano in Euro 2.200,00, di cui Euro 2.000,00 per compensi, oltre spese generali in misura pari al 15% e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 4 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 18 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA