Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21536 del 25/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. lav., 25/10/2016, (ud. 29/09/2016, dep. 25/10/2016), n.21536

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20367-2011 proposto da:

B.G., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA BALDO DEGLI UBALDI 226, presso lo studio dell’avvocato MAURILIO

D’ANGELO, che lo rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.M.G., C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA PAOLO EMILIO 57, presso lo studio dell’avvocato ROBERTO

BILOTTA, rappresentata e difesa dall’avvocato CORRADO CARMELO

CORRENTI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 312/2011 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 05/04/2011, R.G. N. 885/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

29/09/2016 dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SANLORENZO Rita, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. La Corte d’appello di Messina confermò la decisione del giudice di primo grado che aveva accolto la domanda proposta da I.M. nei confronti di B.G., quale titolare della ditta omonima, diretta al riconoscimento delle differenze retributive in conformità ai criteri di cui all’art. 36 Cost. e alla contrattazione collettiva, anche con riferimento al lavoro straordinario prestato in via continuativa.

2. I giudici del merito disattesero le argomentazioni difensive della convenuta in merito al prospettato difetto di legittimazione passiva (rectius titolarità del rapporto sotto il profilo passivo), fondate sul rilievo in forza del quale il rapporto di lavoro si sarebbe svolto alle dipendenze della B. s.r.l. e non della ditta individuale.

3. Avverso la sentenza propone ricorso per cassazione B.G. con unico motivo. Resiste con controricorso la lavoratrice.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con l’unico motivo il ricorrente deduce violazione e/o falsa applicazione dell’art. 115 c.p.c. Omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione su un fatto decisivo per il giudizio con riferimento all’art. 360 c.p.c., n. 5. Rileva che la Corte d’appello di Messina aveva ritenuto circostanza pacifica che l’impresa individuale B.G. e la B. s.r.l. espletassero la stessa attività e avessero la medesima sede operativa, poichè dalle visure della Camera di Commercio di Messina si evinceva, quanto all’impresa individuale, che la stessa esercitava in Messina – (OMISSIS), il “commercio al minuto di olio, latte, bevande alcoliche ed analcoliche in confezioni originali”, quanto alla società, che l’attività della stessa era svolta in (OMISSIS) e consisteva in “produzione e imbottigliamento di olii e vini”. Da ciò doveva evincersi che le due ditte svolgessero attività commerciali differenti. Rileva che le richiamate risultanze probatorie di carattere documentale, decisive, non erano state valutate dai giudici del merito.

2. Il motivo va dichiarato inammissibile. Ed invero è da rilevare, per un verso, che le affermazioni difensive fondate sul richiamo delle visure camerali non sono corredate da adeguato supporto in termini di allegazione documentale a mente dell’art. 369 c.p.c., n. 4, nonchè di specifica indicazione ai sensi dell’art. 366 c.p.c., n. 6. Per altro verso si evidenzia che le argomentazioni difensive non assumono carattere di decisività, a fronte del tenore della motivazione che ha attribuito rilevanza alle circostanze di fatto emerse dall’istruttoria in ordine al tipo di attività espletata dalle due ditte ed alla sede operativa in cui le stesse effettivamente operavano, e ciò prescindendo dai dati formali.

3. Conseguentemente, alla declaratoria di inammissibilità le spese del giudizio di legittimità sono poste a carico del ricorrente e liquidate come in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 2.000,00, di cui Euro 1.900,00 per compensi, oltre spese generali nella misura del 15% e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 29 settembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 25 ottobre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA