Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21532 del 18/10/2011

Cassazione civile sez. trib., 18/10/2011, (ud. 22/09/2011, dep. 18/10/2011), n.21532

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MERONE Antonio – Presidente –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – rel. Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna Concetta – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 21294/2009 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

TRE ESSE SRL in liquidazione;

– intimata –

avverso la sentenza n. 431/2008 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA, SEZIONE DISTACCATA di LATINA del 28/05/08,

depositata l’01/07/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

22/09/2011 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO PARMEGGIANI;

è presente il P.G. in persona del Dott. TOMMASO BASILE.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

Nella causa indicata in premessa è stata depositata in cancelleria la seguente relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comunicata al P.M. e notificata agli avvocati delle parti costituite:

“La Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione con tre motivi avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio n. 431/39/08, in data 28-5-2008, depositata in data 1-7-2008, confermativa della sentenza della CTP di Latina che aveva annullato l’accertamento della Agenzia delle Entrate di Latina con cui era stato rideterminato il ricarico medio presumibile della merce venduta dalla società Tre Esse s.r.l., esercente la attività di vendita al minuto di capi di abbigliamento, per l’anno 2000, applicando la relative imposte IVA, IRPEG, IRAP. La intimata non svolge attività difensiva.

Con il primo motivo deduce difetto di motivazione della sentenza in quanto la Commissione si era limitata ad affermare, in modo apodittico, che le ragioni erariali erano fondate su presunzioni semplici prive di supporto probatorio, senza spiegare in che cosa queste consistessero. Con il secondo motivo violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39 e D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54 ed art. 2697 c.c., avendo affermato che a sostegno dell’accertamento non erano sufficienti semplici presunzioni, occorrendo anche un ulteriore supporto probatorio. Con il terzo motivo ulteriore difetto di motivazione, avendo la Commissione ritenuto che l’Ufficio non avesse applicato ricarichi differenziati sulla merce, utilizzando una media semplice senza spiegare in concreto le modalità con cui l’Ufficio aveva proceduto.

Il primo ed il terzo motivo sono fondati.

In effetti la motivazione della sentenza impugnata è meramente apparente ed apodittica, in quanto si limita ad affermazioni astratte senza alcun riferimento concreto alla materia oggetto dell’accertamento, senza spiegare quali fossero le presunzioni adottate dall’Ufficio e perchè fossero semplici; in che cosa fosse in effetti consistito il metodo di calcolo del ricarico della merce utilizzato dall’Ufficio e perchè dovesse essere definito come fondato su una media ponderata semplice; facendo altresì riferimento alla argomentazioni di primo grado senza menzionarle neppure in via riassuntiva, ed in tal modo non consentendo di ricostruire l’iter logico-giuridico alla base della decisione.

Il secondo motivo rimane assorbito”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che il Collegio, a seguito della discussione in Camera di consiglio, condivide i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione;

che pertanto, riaffermati i principi sopra richiamati, il ricorso deve essere accolto, con cassazione della sentenza impugnata e rinvio per nuovo esame del merito a diversa sezione della Commissione Tributaria Regionale del Lazio, che provvederà anche sulle spese di questa fase di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo ed il terzo motivo di ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese, a diversa composizione della CTR del Lazio.

Così deciso in Roma, il 22 settembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 ottobre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA