Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21527 del 15/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 15/09/2017, (ud. 08/06/2017, dep.15/09/2017),  n. 21527

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – rel. Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14403/2015 proposto da:

EQUITALIA SUD SPA (OMISSIS), in persona del Responsabile,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIOACCHINO ROSSINI 18, presso

lo studio dell’avvocato GIOIA VACCARI, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

C.A., ROMA CAPITALE (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 23792/2014 del TRIBUNALE di ROMA, depositata

il 28/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’08/06/2017 dal Consigliere Dott. GIUSEPPINA LUCIANA

BARRECA.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

Con la sentenza impugnata il Tribunale di Roma ha accolto l’appello proposto da C.A. contro la sentenza del Giudice di Pace che aveva rigettato l’opposizione avanzata dalla medesima nei confronti di Equitalia Sud S.p.A. e Roma Capitale avverso diverse cartelle di pagamento notificate dall’Agente della Riscossione;

il ricorso è proposto con un motivo;

gli intimati non si difendono;

ricorrendo uno dei casi previsti dall’art. 375, comma 1, su proposta del relatore della sezione sesta, il presidente ha fissato con decreto l’adunanza della Corte, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.;

il decreto è stato notificato come per legge;

con ordinanza del 16 febbraio 2017 è stata disposta l’acquisizione del fascicolo d’ufficio;

trasmesso quest’ultimo da parte del Tribunale di Roma, è stata fissata nuova adunanza ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

Con l’unico motivo si deduce errore nel procedimento in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4. Violazione degli artt. 342 e 112 c.p.c..

La ricorrente lamenta che, pur avendo l’opponente impugnato le cartelle di pagamento perchè invalidamente notificate, il Tribunale abbia invece accolto l’opposizione nel presupposto che fossero invalide le notificazioni dei verbali di accertamento delle violazioni del codice della strada. Secondo la ricorrente, si avrebbe un vizio di ultrapetizione.

Il motivo è manifestamente fondato.

La sentenza esordisce con l’affermazione che ” risulta… che i verbali di contravvenzione oggetto di impugnazione sono stati notificati al portiere dello stabile…” e prosegue riferendo la motivazione appunto ai verbali di accertamento.

Dall’atto di appello, anche riportato nel ricorso, si evince che nessuna censura era stata riferita dall’appellante alla notificazione dei verbali.

Il ricorso va perciò accolto.

La sentenza impugnata va cassata e la causa va rinviata al Tribunale di Roma, in persona di diverso magistrato, perchè esclusa qualsiasi valutazione in merito ai verbali di contravvenzione ed alla loro notificazione (in quanto non oggetto dell’originaria domanda) – verifichi piuttosto le modalità di notificazione delle cartelle di pagamento, tenendo conto dei principi espressi al riguardo dall’univoca, anche recente, giurisprudenza di questa Corte (Cass. n. 1091/13 e numerose altre decisioni di legittimità, tra cui Cass. n. 6395/14, n. 4567/15 e ord. n. 12083/16; ed ancora Cass. n. 12351/16).

Si rimette al giudice del rinvio anche la decisione sulle spese del giudizio di cassazione.

PQM

 

La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Roma, in persona di diverso magistrato, cui demanda la decisione anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3, della Corte Suprema di Cassazione, il 8 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA