Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21475 del 06/10/2020

Cassazione civile sez. lav., 06/10/2020, (ud. 08/07/2020, dep. 06/10/2020), n.21475

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1579-2015 proposto da:

– INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

sede legale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati

LORELLA FRASCONA’, e GIANDOMENICO CATALANO;

– ricorrente –

contro

STILFERRO DI N.P.G. E C. S.A.S., in persona del legale

rappresentante pro tempore, domiciliata in ROMA, VIA FEDERICO

CONFALONIERI 5, presso lo studio dell’avvocato EMANUELE COGLITORE,

che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato MASSIMO

BELEFFI;

– controricorrente –

e contro

– I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e

quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. società di cartolarizzazione

dei crediti I.N.P.S., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CESARE

BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale dell’Istituto,

rappresentati e difesi dagli avvocati ANTONINO SGROI, LELIO

MARITATO, GIUSEPPE MATANO, ESTER ADA VITA SCIPLINO, EMANUELE DE ROSE

e CARLA D’ALOISIO;

– resistenti con mandato –

E SUL RICORSO SUCCESSIVO SENZA NUMERO DI R.G. proposto da:

– I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e

quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. società di cartolarizzazione

dei crediti I.N.P.S., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CESARE

BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale dell’Istituto,

rappresentati e difesi dagli avvocati CARLA D’ALOISIO, ANTONINO

SGROI, LELIO MARITATO e EMANUELE DE ROSE;

– ricorrenti successivi –

contro

STILFERRO DI N.P.G. E C. S.A.S., in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

FEDERICO CONFALONIERI 5, presso lo studio dell’avvocato EMANUELE

COGLITORE, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

MASSIMO BELEFFI;

– controricorrente al ricorso successivo –

avverso la sentenza n. 1444/2013 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 07/01/2014, R.G.N. 968/2010.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che, con sentenza depositata il 7.1.2014, la Corte d’appello di Bologna, in parziale riforma della pronuncia di primo grado, ha dichiarato insussistente l’obbligo contributivo di Stilferro s.a.s. nei confronti di INPS e INAIL in relazione alle sospensioni del rapporto lavorativo concordate con taluni dipendenti per mancanza di lavoro o per motivi personali dei dipendenti diversi da ferie o permessi, in riferimento alle quali non era stata corrisposta loro alcuna retribuzione;

che avverso tale pronuncia ha proposto ricorso per cassazione l’INAIL, deducendo un motivo di censura;

che Stilferro s.a.s. ha resistito con controricorso;

che, successivamente, altro ricorso per cassazione avverso la medesima sentenza è stato proposto dall’INPS, che ha dedotto parimenti un motivo di censura;

che Stilferro s.a.s. ha resistito con altro controricorso;

che le parti ricorrenti hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con l’unico motivo di censura, l’INAIL e l’INPS denunciano violazione del D.L. n. 338 del 1989, art. 1, (conv. con L. n. 389 del 1989), per avere la Corte di merito ritenuto che la sospensione del rapporto di lavoro senza corresponsione di retribuzione facesse venir meno l’obbligo contributivo in capo all’azienda anche qualora fosse stata concordata in ipotesi non previste dai contratti collettivi;

che il motivo è fondato, essendosi chiarito che la regola del c.d. minimale contributivo, che deriva dal principio di autonomia del rapporto contributivo rispetto alle vicende dell’obbligazione retributiva, opera anche con riferimento all’orario di lavoro, che va parametrato a quello previsto dalla contrattazione collettiva o dal contratto individuale, se superiore, di talchè la contribuzione va ritenuta dovuta anche in caso di assenze o di sospensione concordata della prestazione che non trovino giustificazione nella legge o nel contratto collettivo, bensì in un accordo tra le parti che derivi da una libera scelta del datore di lavoro (Cass. n. 15120 del 2019);

che, non essendosi uniformata al superiore principio di diritto, la sentenza impugnata va cassata in parte qua e la causa rinviata per nuovo esame alla Corte d’appello di Bologna, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie i ricorsi. Cassa in parte qua la sentenza impugnata e rinvia la causa alla Corte d’appello di Bologna, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 8 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 6 ottobre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA