Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21426 del 16/08/2019

Cassazione civile sez. lav., 16/08/2019, (ud. 07/03/2019, dep. 16/08/2019), n.21426

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – rel. Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 476/2014 proposto da:

FIDELITAS S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA CAVOUR, 19, presso lo studio dell’avvocato FEDERICA PATERNO’,

che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati FRANCO

TOFFOLETTO, RAFFAELE DE LUCA TAMAJO, ANDREA MORONE;

– ricorrente –

contro

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

IV NOVEMBRE 144, presso lo studio degli avvocati RAFFAELA FABBI,

LORELLA FRASCONA’, che lo rappresentano e difendono;

– controricorrente –

e contro

EQUITALIA ESATRI S.P.A., OGGI EQUITALIA NORD S.P.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 4247/2013 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 07/08/2013 R.G.N. 7674/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/03/2019 dal Consigliere Dott. UMBERTO BERRINO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELESTE Alberto, che ha concluso per il rigetto dei primi due

motivi, accoglimento del terzo; udito l’Avvocato FEDERICA PATERNO’;

udito l’Avvocato GIANDOMENICO CATALANO per delega verbale Avvocato

LORELLA FRASCONA’.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Il giudice del lavoro del Tribunale di Roma accolse l’opposizione della società Fidelitas spa avverso la cartella esattoriale di pagamento delle somme pretese dall’Inail e, dichiarata l’inefficacia della stessa, condannò l’istituto assicuratore a restituire all’opponente l’importo di Euro 171.830,28, oltre gli interessi legali e le spese di lite.

La Corte d’appello di Roma (sentenza del 7.8.2013), adita in sede di impugnazione dall’Inail, ha parzialmente riformato la gravata sentenza ed ha condannato la Fidelitas spa a corrispondere all’istituto assicuratore la somma di Euro 142.888,77, limitando nel contempo la condanna di quest’ultimo a restituire alla predetta società il minor importo di Euro 21.185,89, oltre interessi.

La Corte territoriale, dopo aver dato atto del riconoscimento in sede amministrativa da parte dell’Inail della correttezza dell’inquadramento operato dalla società sia per la posizione delle guardie giurate addette all’assistenza clienti che per quella del Lionetti – riconoscimento dal quale conseguiva che non era dovuto dalla Fidelitas spa l’importo di Euro 21.185,89 – ha precisato che le attività inerenti, complementari e conseguenti alla conta del denaro, cioè quelle prestate dalle guardie giurate addette alla “sala conta”, rientravano nella voce di rischio “712” indicata dall’Inail e non nella voce “722” utilizzata dalla società, per cui era risultata corretta la nuova classificazione operata dall’istituto a decorrere dal’1.10.2002, decorrenza, questa, non contestata, con conseguente obbligo della società di versare le somme a tale titolo richieste.

Per la cassazione della sentenza ricorre la Fidelitas spa con tre motivi, illustrati da memoria, cui resiste l’Inail con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Col primo motivo la ricorrente denunzia la violazione e falsa applicazione di norme di diritto in relazione al D.P.R. n. 1124 del 1965, art. 40, ed al D.M. 12 dicembre 2000, artt. 4, 5 e 6 (art. 360 c.p.c., n. 3), assumendo che la Corte d’appello ha correttamente inquadrato la normativa di riferimento, ma ha errato nell’applicarla e nell’individuare la norma specificamente riferibile alla fattispecie. In particolare, la ricorrente rileva che gli impiegati della “sala conta” svolgevano un’attività contabile d’ufficio mediante l’uso di macchine da ufficio, per cui la loro lavorazione avrebbe dovuto essere inquadrata nel grande gruppo “O”, sottogruppo “Personale degli uffici in genere – Personale vario”, voce “0722”, mentre nessun rilievo avrebbe dovuto esser dato ad una “presunta complementarietà e/o sussidiarietà” al fine di inquadrare la suddetta lavorazione nella voce “0712”, relativa, invece, all’attività delle “Guardie giurate”, appartenente al sottogruppo “Servizi di investigazione, sorveglianza, controllo e verifica” (0710); ciò perchè, nel caso in esame, non ricorreva il presupposto voluto dalla legge affinchè una lavorazione, seppur ben definita nei suoi caratteri distintivi, fosse ricompresa in un’altra attività principale ed assorbente, ossia l’indispensabilità per il compimento del ciclo produttivo di quest’ultima. In definitiva, l’attività degli addetti alla “sala conta” costituiva solo un aspetto del campo operativo della Fidelitas, non inestricabilmente connesso con le ulteriori attività caratterizzanti l’oggetto della società, e nulla aveva in comune con l’attività di vigilanza, trasporto e custodia.

2. Col secondo motivo, dedotto per omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), la ricorrente lamenta che la motivazione dell’impugnata sentenza appare carente in ordine al presunto carattere complementare e/o sussidiario dell’attività di conta del denaro rispetto alle attività principali di custodia e di trasporto dei valori, sostenendo che se la Corte territoriale avesse opportunamente valutato la prova documentale e quella per testi sarebbe pervenuta al convincimento opposto di escludere la natura complementare e sussidiaria della conta del denaro.

3. Col terzo motivo, proposto per erronea applicazione del D.P.R. n. 1124 del 1965, art. 15, (art. 360 c.p.c., n. 3), la ricorrente sostiene che in attuazione di tale norma, disattesa dalla Corte di merito, la nuova classificazione del personale addetto alla conta non poteva essere retrodatata al 1 ottobre 2002, dovendo invece farsi decorrere la stessa dal 31 gennaio 2003, data corrispondente ai due anni precedenti all’acquisto del ramo d’azienda, avvenuto il 31 gennaio 2005.

4. Il primo motivo è infondato.

Non sussiste, infatti, la lamentata violazione di legge in quanto correttamente la Corte territoriale ha rilevato che il D.M. 12 dicembre 2000, nel regolare le nuove tariffe dei premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, dispone che agli effetti delle tariffe per le lavorazioni si intende il ciclo di operazioni necessarie per la realizzazione di quanto in esso prescritto, comprese le operazioni complementari e sussidiarie, purchè svolte dallo stesso datore di lavoro e in connessione operativa con l’attività principale, ancorchè effettuate in luoghi diversi (art. 4, punto 1, sulle modalità per l’applicazione delle tariffe), per cui non rileva che la definizione delle voci di tariffa in esame non contempla tra le attività elencate la conta del denaro, in quanto la citata disposizione ministeriale estende la copertura assicurativa anche alle attività accessorie e complementari.

5. Una volta individuata la fonte normativa di riferimento la Corte di merito ha osservato, in maniera altrettanto corretta, che dalla visura camerale in atti è emerso che la Fidelitas forniva servizi di sicurezza privata e consimili, svolgeva attività di trasporto di beni e valori, di scorta, di vigilanza e di deposito con custodia per conto di terzi per mezzo di guardie giurate, nonchè tutte le attività inerenti, complementari e conseguenti alla “contazione” di denaro e titoli, per dedurne in maniera logica che – essendo pacifico che la filiale romana della stessa società forniva non solo servizi di trasporto, ma anche di custodia di valori rispetto alla quale la conta del denaro era fondamentale ed imprescindibile l’operazione intermedia di “contazione del denaro”, successiva al trasporto presso i locali della società, era essenziale sia per la verifica di ciò che veniva preso in custodia, sia per la conseguente restituzione al cliente. Infatti, la Corte d’appello, ha evidenziato al riguardo che tutti i testi escussi avevano riferito che la sala-conta era adiacente ai locali deputati alla custodia e che i valori restavano in tale sale per il tempo strettamente necessario per l’operazione stessa di “contazione”, per essere poi spostati nel caveau.

6. Da tutto ciò la Corte di merito ha tratto la logica conclusione che era da escludere il carattere autonomo dell’attività oggetto di causa e che per l’individuazione della voce di tariffa applicabile ci si doveva riferire alla lavorazione principale, considerando che nel concetto di lavorazione vanno comprese le operazioni complementari e sussidiarie svolte dal datore di lavoro in connessione operativa con l’attività principale, anche se effettuate in luoghi diversi.

Si è, infatti, statuito (Cass. Sez. Lav. n. 1277 del 4.2.2000) che “Con riguardo alla determinazione del premio dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro secondo il sistema delle tariffe contributive approvate con decreto ministeriale, caratterizzato dalla classificazione tecnica di lavorazioni suddivise in gruppi, il rischio di infortuni (al quale è riferito il tasso di contribuzione) proprio di una produzione complessa, comprendente più lavorazioni, non può coincidere con quello proprio di ciascuna di esse. Ne consegue che per l’individuazione della voce di tariffa applicabile ci si deve riferire alla lavorazione principale, considerando che nel concetto di “lavorazione” vanno comprese le operazioni complementari e sussidiarie svolte dal datore di lavoro in connessione operativa con l’attività principale, anche se effettuate in luoghi diversi” (in senso conf. v. Sez. lav. n. 14674 del 13.11.2000 e n. 16274 del 3.8.2005).

7. Il secondo motivo è inammissibile in quanto con la sentenza n. 8053 del 7/4/2014 delle Sezioni Unite di questa Corte, si è precisato che l’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, riformulato dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 54, conv. in L. 7 agosto 2012, n. 134, introduce nell’ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia). Ne consegue che, nel rigoroso rispetto delle previsioni dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, e art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, il ricorrente deve indicare il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sè, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorchè la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie.

Quindi, nel sistema l’intervento di modifica dell’art. 360 c.p.c., n. 5, comporta un’ulteriore sensibile restrizione dell’ambito di controllo, in sede di legittimità, del controllo sulla motivazione di fatto. Invero, si è affermato (Cass. Sez. Un., 7 aprile 2014, n. 8053) essersi avuta, con la riforma dell’art. 360 c.p.c., n. 5, la riduzione al minimo costituzionale del sindacato sulla motivazione in sede di giudizio di legittimità, per cui l’anomalia motivazionale denunciabile in questa sede è solo quella che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante e attiene all’esistenza della motivazione in sè, come risulta dal testo della sentenza e prescindendo dal confronto con le risultanze processuali, e si esaurisce, con esclusione di alcuna rilevanza del difetto di sufficienza, nella mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico, nella motivazione apparente, nel contrasto irriducibile fra affermazioni inconciliabili, nella motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile.

Ma è evidente che nella specie la valutazione operata dalla Corte territoriale in ordine al carattere complementare dell’attività di conta del denaro rispetto alle attività principali di custodia e di trasporto dei valori svolte dalla società Fidelitas spa sfugge ai rilievi di censura, essendo la stessa Corte pervenuta al convincimento della natura complementare dell’attività in esame alla luce dell’attività istruttoria svolta, costituita dai documenti prodotti in atti e dalle testimonianze raccolte in giudizio che le hanno consentito di spiegare adeguatamente ed in maniera esente da vizi logici e giuridici che l’attività di conta del denaro era pienamente integrata nel ciclo operativo del trasporto vigilato e della custodia dei valori, essendo strumentale a garantire esclusivamente la realizzazione di quest’ultima.

8. E’, invece, fondato il terzo motivo di doglianza sulla decorrenza del debito nei confronti dell’Inail poichè nell’impugnata sentenza, pur dandosi atto della produzione di copia del contratto di acquisto del ramo d’azienda della filiale di via Aurelia in data 31.1.2005, ceduto dalla Metro Security Express Global Service s.r.l. all’appellata società, non è correttamente applicato la disposizione di cui al D.P.R. n. 1124 del 1965, art. 15, sulla retrodatazione biennale dell’obbligazione solidale del nuovo acquirente, in quanto si fa decorrere la stessa obbligazione dall’1.10.2002 anzichè dal 31.1.2003, per cui si impone la rideterminazione del relativo importo.

Infatti, il D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, art. 15, comma 1, stabilisce che “Nel caso di trasferimento di una azienda da un datore di lavoro ad un altro, quest’ultimo, nonostante la denuncia effettuata ai sensi dell’art. 12, è solidalmente obbligato con il primo, salvo l’eventuale diritto di regresso del nuovo datore di lavoro verso il precedente, per tutto quanto risulta dovuto all’istituto assicuratore per premi o contributi di assicurazione e relativi interessi e per somme supplementari a titolo di penale, riferentisi all’anno in corso e ai due antecedenti”.

9. In definitiva, vanno rigettati i primi due motivi del ricorso, mentre va accolto il terzo; conseguentemente l’impugnata sentenza va cassata solo in relazione al motivo accolto, con rinvio della causa, anche per le spese, alla Corte d’appello di Roma in diversa composizione.

P.Q.M.

La Corte rigetta i primi due motivi, accoglie il terzo, cassa l’impugnata sentenza in relazione al motivo accolto e rinvia la causa, anche per le spese, alla Corte d’appello di Roma in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 7 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 16 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA