Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21399 del 15/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 15/09/2017, (ud. 07/02/2017, dep.15/09/2017),  n. 21399

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. VIRGILIO Biagio – rel. Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

P.V., elettivamente domiciliato in Roma, via Ovidio n.

20, presso l’avv. Roberto Landolfi, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avv. Andrea Mortara, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Liguria n. 11/12/12, depositata il 24 febbraio 2012.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 7

febbraio 2017 dal Relatore Cons. Biagio Virgilio;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

Sorrentino Federico, il quale ha concluso per il rigetto del

ricorso;

uditi l’avv. Roberto Landolfi per il ricorrente e l’avvocato dello

Stato Alessandro Maddalo per la controricorrente.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. P.V., titolare di piccola attività imprenditoriale di rappresentanza di coloranti e vernici, propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Liguria indicata in epigrafe, con la quale, rigettando sia l’appello principale del contribuente sia l’incidentale dell’Ufficio, è stata confermata la sentenza di primo grado che, in controversia concernente avviso di accertamento per IRPEF del 2003 emesso in base a studio di settore, aveva determinato in Euro 80.000,00 l’importo dei ricavi (a fronte del dichiarato pari ad Euro 67.911,00 e dell’accertato pari ad Euro 92.706,00).

2. L’Agenzia delle entrate resiste con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con i due motivi di ricorso, il contribuente denuncia l’omessa e insufficiente motivazione della sentenza, essendosi il giudice a quo limitato a confermare il valore medio dei ricavi determinato in primo grado senza tener conto delle ragioni da lui esposte in sede di contraddittorio procedimentale e in sede contenziosa (concernenti, in particolare, l’assunzione di un subagente – avvenuta nel gennaio 2003 ma cessata nel giugno 2004 non essendosi rivelata fruttuosa -, che aveva determinato la non congruità con lo studio di settore), e pur avendo affermato che l’Ufficio avrebbe dovuto espletare ulteriori verifiche.

Il ricorso è fondato.

Il giudice d’appello, dopo aver affermato che lo studio di settore “deve tener conto anche di altri fattori soggettivi riferiti al caso concreto, inerenti le condizioni nelle quali viene svolta l’attività”, che “il contribuente ha fatto presente la particolare situazione gestionale cui è andato incontro con l’assunzione del collaboratore nell’anno 2003, poi licenziato nel giugno dell’anno successivo” e che l’Ufficio “avrebbe dovuto fondare il proprio accertamento con ulteriori e più approfondite verifiche”, ha poi confermato l’importo dei ricavi determinato dal primo giudice nella misura media (rispetto al minimo e al massimo previsti nello studio di settore, rispettivamente pari ad Euro 71.338,00 e ad Euro 92.706,00) di Euro 80.000,00.

Ciò ha fatto, però, in maniera apodittica, senza minimamente dar conto delle ragioni in base alle quali ha ritenuto congruo il detto importo, pur a fronte delle argomentazioni del contribuente circa la peculiarità (pur evidenziata in sentenza) della situazione determinatasi con l’assunzione nell’anno in esame del subagente, pochi mesi dopo licenziato per l’infruttuosità del suo apporto.

2. Il ricorso va, dunque, accolto, la sentenza impugnata deve essere cassata e la causa rinviata, per nuovo esame alla CTR della Liguria, in diversa composizione, la quale provvederà anche in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

 

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, alla Commissione tributaria regionale della Liguria in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 7 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA