Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21383 del 17/10/2011

Cassazione civile sez. I, 17/10/2011, (ud. 29/03/2011, dep. 17/10/2011), n.21383

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.M., (c.f.: (OMISSIS)), elett.te dom.to in Roma

Via di Pietralata 320, presso lo studio dell’avv.to Gigliola Mazza

Ricci, rappresentato e difeso dall’avv.to AGRICOLA Luigi Francesco,

giusta procura a margine del ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

F.R., (c.f.: (OMISSIS)), elett.te dom.to in

Roma, Piazza delle Primule 8, presso lo studio dell’avvocato Antonio

Vocino, rappresentato e difeso dall’avvocato CORROPPOLI Giuseppe,

giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Corte di Appello di Bari, seconda sezione

civile, emessa il 14 dicembre 2007, depositata il 27 dicembre 2007,

R.G. n. 730/2004;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 29 marzo 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito l’avvocato Luigi F. Agricola per il ricorrente;

udito l’avvocato Giuseppe Corropoli per il controricorrente;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per il rigetto del ricorso

con condanna alle spese.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La controversia ha per oggetto l’opposizione a decreto ingiuntivo ottenuto da P.M. nei confronti di F.R. per il pagamento di L. 6.720.098 corrispondente al credito per prestazioni professionali rese a favore della s.a.s. Fabi di Faienza Renato & C..

L’opponente F.R. ha eccepito in compensazione il credito risarcitorio per i danni subiti a causa della cattiva gestione contabile da parte di P.M..

L’opposizione è stata accolta dal Tribunale di Foggia in considerazione della mancata allegazione della documentazione prodotta nel corso della procedura monitoria.

La sentenza è stata confermata dalla Corte di appello di Bari che ha attribuito valore decisivo alle dichiarazioni rese in sede di interrogatorio formale dall’opponente il quale ha ammesso le prestazioni professionali rese dal P. ma ha altresì asserito l’esistenza di un patto comportante l’inesigibilità del compenso sino all’ingresso della società nella fase operativa. La Corte di appello ha ritenuto applicabile la disposizione di cui all’art. 2734 cod. civ., secondo cui la dichiarazione del confitente fa piena prova sui fatti di causa allorquando, accanto alla confessione del fatto costitutivo della domanda, vi sia l’asserzione di un fatto impeditivo, che paralizza l’esercizio del diritto, non disconosciuto dalla parte che intende avvalersi della confessione.

Ricorre per cassazione P.M. il quale si affida a due motivi di impugnazione e deposita memoria difensiva.

Si difende con controricorso F.R..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso si deduce la violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 cod. civ., dell’art. 112 cod. proc. civ., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

Il ricorrente chiede alla Corte di affermare il seguente principio di diritto: sussiste il vizio di ultra ed extra petizione ogni qualvolta il giudice emette una decisione oltre i limiti della contestazione, perchè non può pronunciare d’ufficio su eccezioni che possono essere proposte soltanto dalle parti. Come nel caso in esame allorquando il giudice di secondo grado ha affermato la insussistenza del diritto azionato per il mancato verificarsi di una condizione a cui sarebbe stato sottoposto e che non formava oggetto di contestazione in relazione alle richieste delle parti.

Con il secondo motivo di ricorso si deduce la omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia, prospettato dalle parti o rilevabile d’ufficio.

Il ricorrente chiede alla Corte di affermare il seguente principio di diritto: sussiste il vizio di omessa e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia che consiste nella presente controversia nel non avere la decisione considerato il fatto decisivo acquisito alla causa allorchè lo stesso se fosse stato valutato avrebbe portato a una decisione diversa.

Entrambi i motivi che possono essere esaminati congiuntamente sono infondati. L’eccezione di inesigibilità delle prestazioni fornite dal P. è stata sollevata già dal primo grado in sede di precisazione delle conclusioni. Ci si trova di fronte, peraltro, come ha correttamente rilevato la Corte di appello, senza incorrere in alcun vizio di ultrapetizione, a una dichiarazione della parte opponente che in sede di interrogatorio formale ha inteso riconoscere la effettuazione delle prestazioni professionali di cui il P. ha rivendicato il diritto al pagamento affermando però l’esistenza di un fatto impeditivo all’esercizio del diritto e consistente nel mancato superamento della fase non operativa della società. La mancata contestazione da parte della odierna parte ricorrente relativamente all’esistenza di tale fatto ostativo attiene alla formazione della prova nell’istruzione di primo grado e all’applicazione dell’art. 2734 cod. civ., che la Corte di appello ha evocato per ritenere fondata l’opposizione al decreto ingiuntivo.

Il ricorso va pertanto respinto con condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione che liquida in complessivi Euro 1.200,00 di cui Euro 1000,00 per onorari e Euro 200,00 per spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 29 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 17 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA